Chi legge "esamini tutto, ma ritenga solo ciò che è giusto".

La mente non è un vessillo da riempire, ma un fuoco da accendere.

domenica 29 novembre 2009

UFOLATRIA E GOLEM DI RITORNO




Per tutti gli ufologi, vi è un pericolo in agguato da decenni e che in un modo o nell'altro riesce a sorprendere anche l'inquirente più scaltro: il cultismo. Credo che vi siano buone ragioni per considerarlo non secondario. Ritengo opportuno quale utile palestra di idee, lanciare in campo una riflessione necessaria per non farci irretire dalla tentazione di fare dell'ufologia una nuova religione, laica magari, ma pur sempre una credenza moderna, un sincretismo di speranze, ricerca di nuovi orizzonti della scienza e della tecnica, bisogno di palingenesi dopo le delusioni ideologiche e spirituali. Insomma, torniamo all'inizio del problema. Chi pilota e da dove vengono quegli oggetti-luce volanti, che da tempi immemori saettano sopra le nostre teste stupite? Dèi che ritornano per riprendersi il posto usurpato dall'uomo? Ricognitori di popoli di altri mondi, in perenne osservazione delle umane follie? Magici esseri amanti di vesti sempre nuove e affascinanti, che lambiscono il nostro mondo per stabilire un mito, una leggenda, cibi necessari per campare? Demoni travestiti da agnelli che si spacciano per alieni di chissà quali civiltà progredite, cavalli di Troia confezionati per una umanità allo sbando, senza difese e senza Dio?
Se non scopriamo una chiave ermeneutica per capire chi sono quelli, rischiamo di adorare dei golem, o di farli entrare senza bussare. Io ritengo di aver scoperto chi sono, da dove vengono e che cosa vogliono da noi. Ho evitato di farne un culto, perché un minimo di discriminazione degli spiriti bisogna pur adottarla e una buona memoria storica serve decisamente.
Grigi, venusiani, cloni, rappresentano soltanto - e non è poco - il remake di un film già visto e subito dimenticato, ove creature risvegliate dal sonno millenario riprendono vita apparente, usando macchine apparenti, interpretando ruoli tratti da un copione vecchio ma rivisitato ad ogni svolta epocale. Sono intersegni, che irrompono o si insinuano secondo strategie consolidate. Un oscuro signore, con doppia sede a Wall Street e alla City di Londra, con i suoi innumerevoli tirapiedi hanno aperto il portale, affinché i nuovi golem possano penetrare nel nostro universo.
Il settimo cavalleggeri - "uranidi" - potrebbe non giungere in nostro aiuto in tempo.

Charles Hoy Fort - Bibliomancer Extraordinaire



By Franklin Ellsworth Clarke

Conventional thinkers too often express the desire for "new science perspectives". In this theme, they lift up their voices in the midst of a present scientific vacuum, and profess their plea for a more complete scientific embrace of the world. But the persons from whom we hear these expressions are more frequently pandering to a more personal motive, where self gain is the theme. The narcissistic echoes of those who only wish to distinguish themselves amid the science vacuum are the ones who cry out for the "new science".

There are those professionals who cannot forge their way sufficiently in the scientific community, either by lack of talent or advantage, and who therefore choose a spotlight path in the mass media. Such personalities have always taken the role of spokespersons for the world of scientific intellectuals, champions of "the method". There are, of course, those who listen to these hollow voices. There will always be a following for every voice which speaks, and the science showpersons are no exception.

MEDIA SCIENCE

Those who follow the media science performers acquire some hopeful ideal, while gradually cultivating an emotional investment. The promise of a new science and a new world is the compelling aria from which sensitive hearts draw warmth in the vacuum. The sensitive followers find their heroic media speakers losing credibility when, after betraying their true prejudices and predispositions, fall short of their own promise. Young minds know that, while voicing the need for new science, the media science personalities remain completely ensnared in a deteriorating and failed scientific method. And they instinctively know that the method is the problem.

The modern scientific "big lie" is that it is forging new frontiers in our worldview. Nothing could be further from the truth. This perverse perspective is only a clever promotions attempt to stave off the extreme criticism harbored by science grant committees. The promise of a "new" science refers potential patrons to a possible "new world". This new world will be theirs if the monies are given. We who are consigned to watch the science show from the shadows take notice of the repetitive pattern. We note, with bored familiarity, the recalcitrant scientific advocates. Those who maintain their theatrical poise, who cry out the most for "new perspectives", are always the very ones whose power policies destroy every opportunity toward that professed goal. And so we observe the sad plight of science professionals who are locked in a prisonhouse of perceptions, ruled by the highly enforced dictates and well policed precepts of a few science hierarchs.

This decadent closure very fortunately does not apply to all who think and seek. There are scientific mavericks whose lives seem turbulent and wild by comparison, but whose thoughts remain unfettered by obligation and free of concern for loss of privilege. Harassed and beleaguered by the perpetual demands of a non-funded scholarly life, these impassioned persons live in the purity of a loving devotion to know. This is scholarship, this is science.

SACRED FIRES

There are those science mavericks to whom the profession never held an iota of attraction, who likewise owe the profession not a single shred of respect. And it is in these persons that the greatest of scientific revelations often emerge as whole. There are highly qualified researchers who have foregone the respectable dignities of profession for more pressing demands of honor and of responsibility. There are luxuries gained only through the abdications of personal integrity, an often required first rule when entering the science profession. But, the revolutions which so many profess to seek are never gained in becoming party with the problem. And the professionals do not seem to be yielding the gems of genius which so many patrons await.

In these fiery vectors, one requires passion, love, devotion — that urgency which drives persons of passion forward. A few drive headlong, and without concern, directly into these regions. In the heat of discovery, of new revelation, one is never concerned with the paltry dictates of parochial requirement. The lives of professionals rarely know the fires of love, of mystery, or of urgency. Passion is the principle element of this scientific flame. The urgent inner fire which fuels these lives leap out at the windows, burning the heart and pouring forth at the eyes. There is no advantage like the passionate love of learning. Money cannot buy it. Education cannot confer it. Applause cannot increase it. And neither professions nor honorariums can cover its absence.

Only the fire of passion grants her seekers the creative intensity which is never seen among the professionals. The heart burns, the mind sees, the eyes penetrate, and the hands labor. These are the ones who forge the new science which professionals claim as their own, the purity which they wish to touch and cannot. Of the few such individuals, with whose work we are completely occupied, one produced a new revolution in thought which has never yet been equalled.

THE OBSCURE

In keeping with the rules of professions and professional denials, this precious scholar was never crowned with either honorariums or accolades. He was never lifted with an award, was never granted a single entitlement, and was never offered a drop of subsidy. Yet his works remain unique, original, and pure in their devotions. He was one who effectively achieved that "new scientific perspective" which the prating contemporaries merely mouth. He belongs in the lineage of Goethe and Steiner, a genius of science in the metacognitive tradition. And his words burn, but do so with wonderful softness:

"In the topography of intellection, I should say that what we call knowledge is ignorance...surrounded by laughter."

This marvelous quote, by Charles Hoy Fort, forms the frame on which my essay will now begin. It is to this wonderful little man, his great ideas, the false intellection of those who call themselves "Forteans", and the cosmic laughter which derides those who have misunderstood his words that this article is dedicated.

From where do new ideas come? How do they emerge in the midst of a ruling thought structure, like bright and curious blooms in a lifeless desert? Where do we find the connective points from which human intellect might receive an enlightening signal? How do we escape the tautological prisonhouses which a closed scientific worldview seems habitually to produce? The answers to many of these questions are found in the writings of Charles Hoy Fort.

In the cognitive requirements of true scholarship, one must be possessed of superlative insight, sensitive intuition, and an uncommon openness to the world of experience. But cognitive ability is not the sole qualifying agent of personal transformation. It is certainly not the source of revelations. We find the single most important element of change in a peculiar openness and willingness to embrace completely new and apparently illogical revelation. Not one professional will stoop that deeply in the pool of truth. Those who do are completely ostracized and evacuated into our world.

There are those whose years of study brings only great familiarity with facts. These are the ones whose personal concerns do not extend beyond the collection and collation of factual knowledge. But, an unlikely few manage to absorb facts, learn the greater scope, and suddenly glimpse a whole new vision of the world. And, the scientific world, which stands only to benefit from such visions, often prefers to keep such persons unnoticed, unrecognized, and unremembered.

POCKETS

There was once such an unnoticed man. He loved everything magical and wondrous, and odd. And, he was himself not a little bit odd too! Out of the luminiferous atmosphere which surrounded the last decade of Sir William’s life, there was round little Charles Hoy Fort wearing a green eyeshade and trundling through the aisles of bracket chairs in the Municipal Library. His large eyes burned through the shining pince-nez glasses with a peculiar twinkle, highly reminiscent of that elvin smile exuded by Sir William Crookes.

There went the unnoticed Charles Fort, with pockets full of index cards, pencils, and magic. Perhaps he was thought to be a card dealer. If anything of that sort, he was indeed a gambler in the world of science and philosophy. What he later would have to say would eventually find response among a very small group of sensitive souls. His fame would reach out well beyond the confines of his modest perimeter of activity, an immense wave for such a small stone.

Fort was somewhat of a comic figure, and he enjoyed his simple scholarly life immensely. His modest apartment was graced by a caring wife, a cozy kitchen, several full rooms, and an overstuffed office which remained the principle focus of his intellectual delights. Riding the trolley uptown from the Municipal Library, into the forest which once was the Bronx (where also, years before, Edgar Allan Poe had his cottage), there disembarked Mr. Fort.

Fording through white snows, through honey-warm sunny afternoons, and through grey rains alike, the quiet Mr. Fort travelled home. He probably sang Methodist hymns as he went in a rich baritone voice. He climbed the stairs. Home to hearth, wife, and wonders. His files. Here he emptied the treasuries of strange facts which filled his day, his heart, and his pockets. Pencils, index cards, pince-nez glasses, two dozen strange facts, and a grand walrus mustache. Each day was like hunting in a free forest where the most prized and beautifully plumed exotic birds lingered to be caught and caged.

In his younger years Fort was a journalist by trade, and his income was a modest one. How had he afforded this relatively luxurious life at so young an age? On the passing of both his parents, Mr. Fort was left a small fortune. And it was with this that he managed to live, he and his wife, in their apartment north of Manhattan.

Just before dinner, just before the gas lamplights were turned down in his office, Mr. Fort stared out of the window and dreamed.

"All seeming things are not things at all, if all things are intercontinuous...only a projection from something else." Again and again, day after day, he found evidence...but evidence of what? What did it all mean? How did his strange facts fit into the world at all? Oh, he did not deny the existence of these reports. No one could. Mr. Fort sought accounts and eyewitness reports by only the most credible persons; sea captains and professional people having affiliations with The Royal Society and the like. These reports with which he was most amazed came from these highly credible sources. But it was the nature of these "events" and "anomalies" which most disturbed his then traditional sense of order in the world.

Frog falls, fish falls, lightning out of a blue sky, inscriptions on meteorites, circular markings on the mountains of different continents, black snow, green sun, red rain, blue moon, yellow wheels of light in the ocean, petrified giants, manmade artifacts embedded in archaeozoic rock, soaring sky saucers, white islands in a dark blue sea. It all seemed to be a world such as that found in the stories of Baron von Munchausen. But it was real!

Perhaps strange events were some kind of secret language, one whose whole meaning required a new perspective. A new way of knowing or of perceiving. Of this he was sure. Obscure and puzzling manifestations presented the sensitive observer with a never ending creative cavalcade, whose fabulous beauty seemed to hold reservoirs of deeper metaphors. He sighed, and rose, but not before jotting down his final thoughts on this matter. "Let everything be reported...then one day we may have a revelation," so he wrote in a note to a friend, and went in to dinner.

DAMNED FACTS

Fort learned of every strange and anomalous phenomenon in which natural lore is so very prolific. He knew where to look. He learned how to use the Library to his own curious advantages. His collection exceeded 25,000 separate index cards, a file of formidable volume. On these cards there rang 40,000 separate notes on rains of different kinds! The file collection grew in leaps and bounds after that first accounting — a well categorized register of the impossible, of the obscure, and of the unnoticed. One would think that Mr. Fort was expressing something of himself in his meticulous searches — the sense and savor of the obscure. But, of these friends, these obscurities and reports of the strange, he was chief expert in the world. A menagerie of wild facts, and a gallery of curios and mysteries. A connoisseur of the improbable, as unlikely a Marco Polo as one would ever find. Mr. Fort became a broker of wild talents!

With each perusal, with each accounting, his whole perspective shifted. He changed completely in his approach, reaching around and behind his every consideration of thought, perception, fact, and fancy. What was real and what unreal? Looking into his overstuffed office one day, Mr. Fort was smitten with a singular irritation. All these scattered facts, and no context. Their once sweet taste of mystery had lost the sheer delight which drove him each morning to strive with winds, rains, trolleys, bracket chairs, and critical librarians with tight lips and pince-nez glasses!

He had, after all, caught all the most beautiful birds in the forest, of plumage incredible and exotic. And now what? Would he simply display them in their cages? Was he to simply "play cards" with his collection? Vexed at his "viceful waste of time", he carted the lot of files to the fireplace...and burned them en masse. Watching the curling flames mingle with thick white smoke, he destroyed the work of years, countless days of searching, of writing, of pencil notes, of frazzled thoughts, of books and tomes and piles of dusty magazines. His mind turned, and he suddenly caught a glimpse of a new world. He peered through the fire and saw.

LONDON

After the heat of this furnace had cooled, Mr. Fort proposed, of all things, that both he and Anna sail for England. Charles was finally out of his fires.

Fort’s intention to publish his works was not a small bit encouraging. The force behind the new move evoked portents of excitation. All things were arranged for the journey, including their return to New York. The couple was to take lodging in London, as close to the British Museum as could possibly be arranged. There was adequate money for the trip, and the usual bureaucratic problems worked themselves out with a unusual and seamless ease, normally the characteristic sign of good fortune.

They took up lodging at 39 Marchmount Street, in a section called Bloomsbury. In the Fortean tradition, no other two could have formed more auspicious (and humorous) names. Proximity to the Library gave him wonderful access to the most original documents from which his best New York entries had always been derived. A variety of English scholarly journals filled his eyes, mind, and heart once again. It was a much needed nutrition. After all, the world was stranger than most knew. Here was the proof of it, the countless pages and index cards of proof.

His new collection of facts was now far more resplendent than the one which he committed to the flames in his Bronx apartment. Obscure facts, like smoke, choke the vision. Seen in their proper perspective, facts are like windows through which the light and heat of a deeper world might be seen. How curious! That an act of desperation could result in so noble and transcendent an exaltation! He now knew what had to be done. To connect the facts, to associate them, to correlate and discover lines of connection. This would be the new task at hand. And, off he went, transformed. The eyes of the man now engulfed a grand and spacious vision of the metaphysical world process.

It was in London that Charles Fort took a huge and frightening leap into a larger perspective. To indulge his new notions no longer frightened him. What he first feared was now quite obviously the product of an overwrought imagination, the mere figment of shadow and intellectual restriction. The new reality which he indulged was no more dangerous to his sanity than the myriad other indulgences which seemed to be rocking the world. He had already become fused with the ideas.

Throughout all of this time period, he found a wonderful comfort in humour. This aspect of the cosmic drama was an unexplored facet. Where most chose beauty, even the aspects of somber gravity, Charles chose the humor of the cosmos by which to define world process. In this aspect, what he discovered shows him to be a true adventurer of the mind, a navigator of the mindscapes. Fort discovered that illogical schemes, improbable connections, and implausible correlations could be reasonably connected. No better place to learn this but in England, where mad Hamlet was to be exiled. For (in the words of their greatest poet) "they all be mad who live there". Indeed!

"The time has come", the Walrus said, "to talk of many things, of shoes and ships and sealing wax, of cabbages and kings."

— L. Carroll

PUZZLEBOX

Of "cabbages and kings"! Two more dissociate items, one cannot imagine. And yet, Charles Fort showed a means in which any of the two (under the proper circumstances) would demand the necessary existence of the other! The preliminary concepts which he received evoked the writing of "New Lands" in 1923. Here was the first instance in which a nonlinear logic was being espoused in the western world, and the western world was scarcely ready for the accelerating change. He and Anna moved back to New York. Back to the New World, where they resumed their quiet lives.

When Fort began to write and publish, the reading public was taken aback. It was difficult to gain the cooperation of publishers for the printing of these curious new works. They were more like fragmented homours, and less like science. The now laughing eyes could not be hidden. The walrus mustache could not hide the laughter, the sheer derision. Of course, few would know how to categorize his work. His ideas frightened the minds of thinkers everywhere. Their fear was drowned in his laughter.

Theodore Dreiser, a friend, managed this feat against weighty refusals by acrid publishers. But Fort’s remarkable book Lo! was published in 1931, being followed by Wild Talents in 1932. In his modest pamphlets and pocketbooks, we find the writings of a true and original genius. Goethe, ever the mystical and sensitive naturalist did not choose to handle the plethora of strange events which flooded his world. This work fell to Charles Hoy Fort.

The now restored "catalog of the anomalous" grew and grew again. It suddenly became transformed into a massive puzzlebox, which when examined along distinct lines and angles, granted a sustained vision of a deeper world. A metaphysical world, where the stuff of which dreams are made very obviously pour into the physical world. Did some vast and coherent vision, some cosmic dream generate material reality? It was not the collection of individual facts which remained important. Oh, the individual facts were important enough. Yes, they were fascinating,alluring. But in the grand scheme of knowledge, they were but clues to a larger whole. One which he had discovered in his dark period.

"There is probably a connection between a rose and a hippopotamus." The connecting links, the associations, the view which considered the creativity in each of these strange manifestations; these were the important messages. Fort now realized that there were patterns in the chaos of his scattered records. Order, sequence, patterns, and hierarchies of awareness. There was meaning in the world. His recognition of connective links between events, and the manner in which they arrived in our world, unannounced and unexpected, now demanded much more than even associations could produce. And here is where Fort differs from all of his modern counterparts.

"I am a collector of notes upon subjects which have diversity...but my liveliest interest is not so much in things, as in relations of things."

"Sometimes I am a collector of data, and only a collector, and am likely to be gross and miserly, piling up notes, pleased with merely numerically adding to my stores...But always there is present a feeling of unexplained relations of events that I note, and it is this far-away, haunting, or often taunt ing, awareness, or suspicion, that keeps me piling on." — Charles Fort, Wild Talents

STRUCTURES

Charles Fort considered the ultimate scope of his work to be "experiments with the structure of knowledge". He had the credentials of the epistemologist, a pursuit which few modernists consider. In the vacuous world of contemporary science, the greatest population of its adherents cleave to a doctrine of proofs and apparent facts. But, while fewer and fewer value the wisdom of the arcane, the philosophical principles exceed the experimenter’s art, and rule experimental results. Fort knew this well, and saw that metaphysical realities govern every natural and experimental arrangement. After all, how were scientists going to approach a phenomenon as provoking as a fishfall?

In speaking of the transformation of scientific thought from linearity to holism, Fort declared that "no image can be too fanciful, no hypothesis too extreme; anything can be used to storm the fortress." The fortress of rigid thought. That had to go. He strove to open the minds of his readers, those who would abide his notions for awhile. When the gentle approach failed, he became threatening. "I’ll send you reeling against the doors that open onto ‘something other’."

When this attack failed to achieve its intended effect, he became bawdy, even raucous: "I am afraid that we shall have to give to civilization on Earth some new worlds...with white frogs in them".

This worked. He indulged his hilarious and comical side. Appealing to a deeper response, humor usually melted the intellectual defenses. "I cannot quite define my motive either, because to this day it has not been decided whether I am a scientist...or a humorist".

What Fort reveals is the folly of linear thought in a world where creative wholeness is perpetually acting, a world whose apprehension requires familiarity with a language of the metaphysical. Imagine a report of a new lake which forms in a desert area. And suddenly, on an auspicious day unexpected...the sky claps in a massive roll of thunder...and down unfolds a miraculous plume of fresh water fish, frogs, and green water plants simultaneously! "I have spent much time thinking about the alleged pseudo-relations that are called coincidences. What if some of them should not be coincidences?" His extreme delight in these numerous impossible circumstances, events reported by the humble and the credible, convinced him that divine creative works were yet very much in force throughout the world.

METAPHYSICAL WORLDS

Fort urged humanity to peer beyond the facts — those "damned" by science. Fort is the herald of a new way of seeing the world. More than that. He directed us to see through the most outlandish medleys of world events. He did not make trite those spontaneous creations ex nihilo. In such miraculous spewings forth of fish and frogs, Fort called us to behold a process of creation. His view was more befitting a vitalistic approach, requiring a vital environment. Charles Hoy Fort used the facts, and the anomalies, as indicators of a world-permeating intent. He saw the message in the connections — an augury of natural wonders. The slithering spawn which fell in full sight of day, was obviously directed by a divine agency.

That the physical things are the material artifacts of a creative and living metaphysical space, is a contradiction which professional science cannot abide. Enjoying the comic incongruity of linear scientific thought, Mr. Fort wrote amazing statements on his conception of world reality. "We conceive of all things as occupying gradations, or steps in a series between realness and unrealness." In these considerations, the conceptions of Fort merge rather completely with those of Goethe, of Crookes, and of Steiner.

Fort never spoke of solid realities, never of fixedness in existence. All things were somehow plasmic, or more precisely "protoplasmic." The latter term invited the strong suggestion that all things were inherently possessed of a living characteristic. This is why his concept of beauty, of wholeness, and of individuality is important.

"Every attempt to achieve beauty is an attempt to give to that which is local the attribute of the universal." He repeatedly stated that the world was a finished product only in its ability to receive creative impulses. The world was a constantly created stageworks — an "intermediate stage." The accuracy of this concept was exemplified in the innumerable strange events which constantly occurred on Earth.

"All phenomena, in our intermediary or quasi-state of being, represent a movement toward organization, harmonization, and individualization...in other words, an attempt toward reality." There! In toto. An analysis of why it was possible for outrageous and unthinkable events to occur in our world. An explanation for true "strangeness", made obscure only by those who were fearful of its deific implications. The Fortean world received creative applications from a pre-existential stage. Creative ordinations called forth sudden manifestations, ex nihilo. Therefore — fishfalls, turtlefalls, seedfalls, and frogfalls!

Besides these thrilling creative acts, the world also was witness to countless destructive effects. Fort also saw that there was resistance to the act of becoming, resistance to the expression of seeking reality. There were those disintegrative waves which came from another direction. In this negative influence, created things lost their integrity, being forced down the rung of existence, back through our world into the place of yet-becoming, and held there by a pressure of decreative force. Ours was a world where "things becoming" and "things unbecoming" passed through our opened gaze. Only the truly honest could report everything, every event, which occurred on earth. This is why it was possible for sea captains of the Royal Fleet to report most of these strange and unexplainable phenomena.

The crawling, flying, foaming, surging, wriggling, creeping protoplasmic world reality! Here was the "world process" of Goethe once again! "Will it be admitted that there are vast viscous and gelatinous regions floating about in infinite space?" Metaphysical influences effected the intermediate existence of the world in which we were situated. For Mr. Fort, the present world was fixed only in its position on a gantry of worlds. With reality now understood as a spectrum of possible existences, there were also thrilling new explanations for the strange occurrences which seemed to "flow up or down" from some other dimension. When he spoke of "other worlds" he referred not simply to "other planets", but to whole world-stages which lay either "above" or "below" in order of reality.

"Intermediateness is quasi-existence. Neither real nor unreal. But expression of attempt to become real, or to generate for, or recruit a real existence." I was rather taken aback when reading these lines. How succinct a description of the Borderlands! A vision of such parallel worlds would explain the myths, the heroes, lands, nations, and events of old! The explanation of parallel worlds seemed especially poignant and vital to the English writers. Those who especially come to preserve and cherish the writings of Charles Fort in this respect included H. P. Lovecraft, J. R. R. Tolkien, and C. S. Lewis.

The extrication of mythos from the frozen ice of a growing materialist worldview was all-important to the Europeans. Their deep love of mythos betrayed an inherent world reality otherwise unexplained. What an idea! What a powerful thought! Events were "slipping through" our world from various metaphysical directions. There were "countless worlds", evidenced sometimes by the wild strangeness of certain bizarre happenings. And these included a greater variety of parallel worlds than astronomers could count. To Fort, the cosmos was not the apparent display which senses brought daily to experience. There were larger spaces contained in the metaphysical regions.

The apprehension of these metaphysical regions barred the foolish and insensitive from venturing toward their borders. But where were their borders? What borderlands opened the portals to their worlds? How were they able to slip in and out of our world, and we could not? The knowledge of their existence preceded any scientific explorations. Entrance into these "other worlds" first required sensitive understanding. In speaking more directly of these portals, Fort stated that "we have a sense of a stationary region overhead, in which this Earth’s gravitational and meteorological forces are relatively inert; or a region that receives products like this Earth’s products, but from ‘external’ sources."

The communications between such parallel worlds would be quite natural occurrences, though possessed of a distinct "strangeness". These events would be reasonably quite repetitive, and as bizarre as the worlds from which the "messages" hail. Since the compositions, realities, and creative expressions in those worlds were completely unfamiliar, one would require special understanding of the natural world in order to discern that which could not be construed as "of this Earth." Mr. Fort suggested that "beyond this Earth are other lands, from which come things, as from America, floating things to Europe..." This might explain the unintentional driftings between world realities, especially from their world to ours.

But the opposite drifting had also to occur, did it not? To this possibility, Mr. Fort added that "objects caught up by hurricanes or whirlwinds may be deposited in a region of suspension over this Earth," but he is not speaking of physical space, not of physical suspensions. These are regions where several worlds meet; as the doorways of apartments meet in vestibules, terraces, or plazas...however great in prominence each such world may be. What were the potentials which triggered these happenings of strangeness?

In the Fortean view, everything on our world might be from "elsewhere", and therefore has more than scientific significance, more than a linear potential, and not being capable of finding lineage in the world alone. The categorization of objects, such as rocks and living things, must now include their parent worlds. Charles Fort was a bold developer of extraordinary concepts. Assuming his premises of near worlds to be true, and assuming the accidental occurrence of "driftings" between such worlds, he then engaged the concept of deliberate signalling between metaphysical worlds. Messages from one metaworld to another! This was the riveting theme discussed in the great unfinished work of C. S. Lewis entitled, The Dark Tower. In speaking of "communications from other worlds" he means the sudden and unexpected occurrence of "events, messages, and visitors."

Fort makes clear the fact that the observation of such messages is simply missed by most scientific observers because of their notion that Earth manifestations are products of this world reality. To Fort, anything found in this world may hail from another dimension. A better description of eidetic interchange I have not seen expressed. "Other worlds are in communication with the Earth. Proofs of this exist...some external force has marked the rocks of Earth from a distance." Fort, the pure visionary, speaks when saying that "somewhere on earth there is a an especial rocky surface or receptor or Polar construction, or a steep conical hill upon which for ages have been received messages from some other world; but that at times messages go astray and mark substances perhaps thousands of miles from this receptor."

BORDERLANDS

All of these wonders proceeded from the excited mind of a round, little, unnoticed man in pince-nez glasses, who lived in the Bronx. Unlikely? Strange? An event? Fort asked magnificent childlike questions. "Where to the whirlwinds go...of what do they consist? A supersea of Sargasso, derelicts, rubbish, old cargoes from interplanetary wrecks, things cast out into what is called Space by convulsions of other planets; things from the times of the Alexanders, Caesars, and Napoleons, of Mars, of Jupiter, or Neptune...things raised by this world’s cyclones...accumulations of centuries, cyclones of Egypt, Greece and Assyria.." On and on!

His writing and private publications now drew a small gathering. Charles was finally getting a little recognition for all the years of study. The original Charles Fort Society was founded on January 26, 1931. Its function was to serve Mr. Fort in matters of academic defense, and in the proliferation of his works, and consisted of ten founding members.

The Society published a review called Doubt! in which strange facts and their relevance in a larger scope were shared. In writing of himself on behalf of these few friends, Mr. Fort stated that "we are not Realists. We are not Idealists. We are Intermediatists."

Charles Hoy Fort passed from this earth in 1932, as quietly and unnoticed as he had lived. Except for the original writings, which were bequeathed to the Society, he remains unknown in both the worlds of professional science and philosophy. The volume of his epistemology, his worldview, is contained in 1000-odd pages.

The Fortean masterpieces offer certain physical proofs for both the Goethean world process and the more metaphysical musings of Sir William Crookes.

The Fortean notion of "intermediate worlds" seems best to support certain concepts expressed by Crookes in the late Nineteenth Century. I am sure that Sir William conceived of a world in which dreams gradually merged with physical reality. Being a scientific researcher however, he was hard pressed to explain such transitions in light of physical process. He was therefore inclined to examine and describe the workings of these transitions in terms of space plasma, by that meaning "ectoplasm". The phrase which he coined, some two decades before Charles Fort began his work, referred to that region of reality which lies between the dreamlike metaphysical worlds and the hard physicality of our own. He called it the "Borderlands".

The very use of the term "Borderland" in the world of science has a special place and meaning for some of us who look beyond apparent reality. Those who do not see evidence of horizons beyond the physical merely mock the notion of a Borderland. But this mystifying term has special import for those who have peered into the meaning of physical reality, and have realized a metaphysical world.

It is also the very phrase from which our original foundation’s name is taken. It remains an apt title for our consortium, who search the "Borderlands" in order to discover and secure those connection points which permit energetic, material, and communicative exchanges. In our study of each research realm, we are closely examining the processes which manifest during "metaworld transitions".

SIMILARS

There are scholarly contemporaries who have taken the first steps toward acquiring personal experience of the Fort revelation. Of the possible many (we cannot now be sure how many unnoticed there may be), I know of two or three who are presently being published. One of the most notable scholars in the Fortean tradition, William Corliss, must be mentioned. His prolific "Sourcebook Project" is a true bibliomantic treasurehouse. As enormous a labor of love as that exhibited in the young Charles Fort, Mr. Corliss has devoted decades to the acquisition of natural anomalies and unusual phenomena. The Corliss collection includes a series of bound editions. These are collections, collations, and correlations of strange natural phenomena.

Urgent and intense in their presentation, Mr. Corliss has given back perhaps the single most valued gift to our contemporary community of natural philosophers. I know that Mr. Corliss has a specific goal in mind, and that he scans the old literature for "evidence" of his essential worldview. I have never read what that view might be, but I am sure it is much more than a mere collection of forgotten facts. The true work of Charles Fort exceeds the mere collecting of strange facts. Fort, you will remember, burned his formidable collection more than once.

Where then do we find the essence of Fortean revelation? How is he singled out against the scores of others who have simply followed these pedantic early steps? Fort became a visionary, the result of intensive and devoted preoccupation with the most bizarre forms of information. One might say that the information itself contained the messages of transformation. Fort did not rest in his facts. He used them to realize a larger, more stunning reality beyond a consideration of the physical. He was more an alchemist than most suppose, preserving the belief that worlds were actively being transmuted from one form to another, and that these transmutations also signalled their messages throughout the gantry of reality. Experience was the gate, the mind was the sense.

Several moderns put forth the pretense that they follow Charles Fort, and of those I can identify perhaps only one or two who are genuine, but realize that they are merely retracing the work of Fort. Fort remains, with Goethe and Steiner, a true original.

But any similarity between Fort and the new plethora of self-proclaimed Forteans loses all credence on closer examination. Less experts than frogfalls!

To equate Fort with anomalies only, is a complete misrepresentation. We have reviewed the fact that Fort was no mere collector of strange facts. He used facts as indicators of metaworld transitions, of messages between the mythic worlds. And, while this first step is the necessary one in following the Fort footsteps, strange facts alone do not complete the qualifying requirement. No indeed. The path toward achieving the kinds of higher expressions gendered by Charles Fort require much more extensive revelations. But, this knowledge demands a personal transformation, so much more than mere ownership of the Fortean titles and bibliographies. This is a strange fact which certain "dashing" publishing houses fail to recognize.

Fort would even now scoff at his modern day adherents, especially those who seek to make a small living from the exploitation of his labors. Perhaps he would categorize them along with his other unnatural freaks of nature.



FORTEAN SLIME

With the arrival of flying saucer events and the social focalizing interest in that aerial phenomenon, the Charles Fort Society gradually lost its original direction and theme. Occupying themselves, not with the larger implications, but with very singular focal points, the Fortean Society began to lose its vision. Just as did Mr. Fort when he remained preoccupied with singular facts of strangeness. The transition in his life came when he stopped looking at the facts and their "strangeness", and began to realize that bizarre events were actually quite commonplace. The importance of this fact more nearly directed his vision toward his ultimate estimations and conclusions.

Those who have entered into an experience of the good world of Charles Hoy Fort, who have delved somewhat into his mind and heart, become pained to hear of the sheer idiocy which proceeds from the groups which now sling his name about like some trite little bauble. It never fails to amaze me that those who so closely cleave to the work of great minds are too often completely unprepared to assume the role which they so boast themselves worthy.

I now find that an increasing number of unscrupulous persons have undertaken the theft of our title, one in which we have priority under Law. Moreover, it seems that this disorganized conspiracy of greed has seized on a method by which they each hope to gain some quick and easy fame or fortune on our coattails. I have not been a small bit disgruntled and irritated by the very obvious and recent petty assault which has been waged against Borderlands. Among those who search the internet for signs of life, not a few persons have brought to our attention the fact that other publishers have begun a truculent infringement campaign. If you are a world wide web browsing aficionado (which I am not) you must have, no doubt, recently found an increasing number of "new science" brokers with the "Borderlands" title attached to their credit line. Very apparently our good name, thematic continuity, and sound experimental legacy has been espied and coveted by a few dilettantes overseas.

It is through the vulnerable climate of our times that these repugnant individuals have employed the mere "buzzword jargon" of conspiracy fanatics to make some fast and easy money. From its inception as an entity in 1945, Borderland Sciences Research Foundation has had a long and illustrious history. We do not intend to remain neutral about these recent assaults on our character, the relevance of our scientific approach, our methods, or our format.



FAREWELL

Finally, we must bid adieu to Mr. Charles Fort, his pince-nez glasses, his menagerie of the odd, his hurtling fishfalls and regions of outer darkness. And it is indeed with a very dear and deep sadness that we relegate his life and life’s work to the other monuments of greatness. How thoroughly poignant. That he and his wife were childless, and that they lived out the whole of their lives in so quaint and so warm a little spot in the Bronx forever touches the heart. He rests his glasses down on a rolltop desk, flooded with pages, new index cards, fountain pens and pencil scrapings.

Of his like, there has been no equal. Charles Fort was an original. A true bibliomantic discoverer, whose ability to saturate the available literature of his day was given the gift of a new doorway, opening on a new and liberating dimension. It was in Charles Fort that humanity was offered a grand and connective view of the world process, that to which Goethe pointed.

New consciousness has its devotees, those who comprehend the essential Fortean message and meaning. There are those however who, without the least speck of understanding, have recently taken it upon themselves to become spokesmen of the great Charles Fort. Those persons who also, I may add, reveal their frail and spurious grasp of the Fortean theme, have not taken the humility and sweet humour of their namesake much to heart. Unable to pluck themselves out of the highly lucrative information complex enough, they insist on printing excessive copy on the trees rather than the forest! Oh, some are quite secure in applying the lacquer with a thick brush, their hands and works dripping with the pungent aroma. Scholars proclaim their worth in the sincerity of an ethical quietude, and do not seek to scully their colleagues across the sea.

Since there are now those publishers, whose weak grasp on the theme has let fall the glowing torch, we have decided to publish ongoing research to extend the work of Charles Fort. This effort, this labor of love, will soon take the form of a column "in memoriam perpetuum". Land Ho!

With my many thanks to Louis Pauwels and Jaque Bergier!
And thank you again my dear Eirene, who knows my thoughts and often speaks them aloud before I do.

References

Charles Fort:

The Book of the Damned, 1919.

New Lands, 1923.

Lo!, 1931.

Wild Talents, 1932.

Dream in Society: The Power of Archetypes, by Marion L. Daye, Groetter & Sons, Vermont, 1965.

Synchronicity: The Bridge Between Matter and Mind, F. David Peat, Bantam Books, Toronto, 1987.

Science Frontiers, William R. Corliss, Sourcebook Project, P.O. Box 107, Glen Arm, MD 21057. (see also next page)

Copyright © 1997 Borderland Sciences Research Foundation, Inc. All Rights Reserved.

mercoledì 25 novembre 2009

IL TEMPO È FINITO


Il tempo incalza. Come una bobina magnetica riavvolta scorre più velocemente all'approssimarsi della fine corsa, così il tempo con leggere scarto di sequenza è giunto ormai al traguardo. Esso è un mistero per fisici, biologi, filosofi. È meno misterioso per i metapsichici, già, perché i metafisici lo descrivono con belle formule, ma poi non ne conoscono i tratti. I metapsichici lo hanno sperimentato, invece, attraverso fenomeni interni/esterni, così da comprenderne la sua reale natura, che è energetica. Sì, amici, il tempo è energia. Me ne accorsi durante alcune sedute metapsichiche tanto tempo fa... il tempo è più rarefatto intorno al trasmittente e più denso nei pressi del ricevente del pensiero. Il nostro flusso di coscienza può far variare la densità del tempo. Temporali, perturbazioni atmosferiche e cambiamenti di stagione, influenzano i mutamenti della densità del tempo.
Il tempo non si diffonde come la luce, ma è presente ovunque e unisce noi e tutte le cose dell'universo. Gravità e densità della materia influiscono sulla densità del tempo. Quando agisco aumento la sua densità che non scompare subito ma rimane a seconda delle sostanze circostanti.

Ho veduto una vecchia torre. Era gigantesca. Poggiata su uno sperone di roccia, si abbarbicava in equilibrio incerto verso il cielo. Il tempo aveva scelto quel torrione per conservarci gli ultimi quanti di energia, aspettando la fine del mondo.

giovedì 19 novembre 2009

AGLI ATEI SCIENTISTI, CON AMORE




"Quelli vogliono che li si tratti con olio, sapone e carezze. Bisogna invece battersi a pugni. In un duello non si contano, non si misurano i colpi: si colpisce come si può! La guerra non si fa con la carità: è una lotta, un duello. Come se Nostro Signore non fosse stato terribile, non avesse dato l'esempio anche in questo. Come li ha trattati, i filistei, i seminatori di errore, i lupi vestiti da agnello, i mercanti: li ha cacciati a colpi di staffile!" Papa Giuseppe Sarto-San Pio X.
Il riferimento è ai modernisti, ma va bene pure ai cattolici adulti e adulterati, agli pseudo-papi, gli anti-papi, ai rosicanti per non essere diventati papi, a Piero Angela che vorrebbe il premio Nobel per aver diffusa pervicacemente la bugia evoluzionista, ad Odifreddi perché con le sue misere spallucce da professorino vorrebbe negare l'esistenza di Cristo, ai puzzoni ideologizzati, ai membri del CICAP ridicoli difensori di una scienza imputtanita, all'ex cattolico Umberto l'Eco che sogna pure lui il premio Nobel per la chiacchierotica, novella scienza del cazzeggio intellettuale. L'Italia non dovrebbe lasciarsi condizionare dagli atei scientisti, soprattutto se estremisti falliti e/o radical chic, e/o comunisti riciclati e/o debosciati permissivisti e/o ex sessantottini imboscati come professori, ricercatori e docenti universitari. In generale hanno rotto i cosiddetti!
"Occorre dare battaglia perché Dio doni la vittoria" Giovanna D'Arco

lunedì 16 novembre 2009

SI CREDE A TUTTO


Prendo atto di un fenomeno quantomai tipico dei nostri tempi disperati: oggi non si è più atei, si crede però a tutto. Pazienza se degne persone si fanno infinocchiare dalla bellona americana col cappelletto da baseball, la quale vende a prezzi non certo modici, conoscenza superlativa, trasmessa da un guerriero lemuriano, migliaia di anni fa. Poi, a conti fatti, tale incredibile sfoggio di conoscenza è reperibile gratis sul web. Circa la validità della dottrina della bellona, lasciamo perdere per carità cristiana. Pazienza se la tv commerciale, Italia 1 se non sbaglio, faccia dirigere una trasmissione sul mistero da un cantante bollito, imbranato, con grossi problemi di sintassi, dalla voce bolsa (per fortuna di mestiere fa il cantante), il vero problema riguarda le scelte editoriali, visto che presentano la questione ufologica attraverso medium, indotti, addotti, condotti, ridotti, rotti personaggi in cerca di autore, o meglio di notorietà. Forse, dico forse, qualcuno fra questi è in buona fede, non lo escludo, però rimane il problema circa la provenienza dubbia di certe testimonianze. Pazienza. Pazienza, se sul web viaggiano i nuovi gnostici, profeti al silicio che pontificano, indicano vie, prevedono, vagano per l'empireo, sentono voci da dimensioni sconosciute, si autoproclamano guide dell'umanità, nuovi interpreti del Logos, fustigatori di chiunque osi ribattere o poco poco dissentire la loro verità infusa. Pazienza, se Roberto Pinotti e i pinottini, credono ancora di essere ufologi, unici depositari di una scienza che non esiste, unici belli bravi laureati, magari un po' massoni che non guasta. Pazienza se Alberto Angela, figlio emerito di cotanto padre (chissà cosa si prova ad essere figlio di un patrimonio nazionale) crede di discendere dalla scimmietta come suo padre, o che la civiltà umana sia nata sotto una capannuccia di merda secca in Africa per poi diffondersi nel mondo. A quando una trasmissione scientificamente controllata per il nipote di Piero? Alla Rai c'è posto per tutti. Quasi tutti. Insomma, amici, ci vuole pazienza pure a leggere il mio blog, non lo nego, ma almeno non faccio il piazzista.

sabato 14 novembre 2009

I POTERI OCCULTI




Nel linguaggio politico, i "poteri forti" sono le oligarchie finanziarie. Il mondo del denaro si è candidato ad una autorità planetaria, con la garanzia sottintesa che il "mercato" saprà governare gli uomini meglio di quanto abbia saputo fare la politica, ma all'orizzonte non si profila un governo soltanto tecnico: al "mercato" non manca una filosofia. Davanti al "Rockefeller Center" di Manhattan, è posta una vistosa statua di Prometeo, il titano che rubò il fuoco agli Dei. È il "portatore di luce" - lucifero, come da etimologia - in prima di copertina. Par di capire quindi - poiché il concetto di "luce" è assai ampio - che la sapienza dei banchieri non si esaurisca nella produzione di denaro. Alta finanza e Gruppo Illuminati appartengono alla stessa razza: i due sistemi formano da sempre un blocco unico. Nella storia, l'uno non ha mai potuto fare a meno dell'altro. La definizione "poteri occulti" sembra quindi più pertinente, perché anche le oligarchie finanziarie perseguono il progetto illuminazionistico: l'edificazione di una società atea o che creda a tutto, umanista e cosmopolita, previo azzeramento della civiltà tradizionale. Ma una simile intrapresa, con il denaro della finanza, non può essere condotta che con lo stile degli Illuminati, "occultamente". Le istituzioni internazionali che accuso di congiurare contro la vita, stanno ai poteri forti come l'effetto sta alla causa: sono strumenti nelle mani di chi ha progetti non solo finanziari per l'umanità.

Il Gruppo divide l'umanità in uomini-massa e "iniziati". Questi ultimi sono da tempo al lavoro affinché la massa dei "profani", sulla faccia della terra, si snellisca. Selezione naturale? L'espressione è rivoltante. Eppure è implicitamente presente in un'infinità di dibattiti. Ho udito questa espressione molte volte nelle discussioni universitarie, nelle conferenze al Palazzo delle Nazioni a New York o nel corso di conversazioni private con alcuni responsabili di importanti enti internazionali: il sovrappopolamento del pianeta combattuto con la fatalità della fame, la fame come strumento regolatore delle nascite; i più forti sopravvivono, i più deboli muoiono. Selezione naturale. Malgrado le intenzioni di Carletto Darwin, la sua teoria – altro non è – viene applicata ferocemente alla lettera dalla cricca che ci comanda. Il mondialismo, in realtà, è meno interessato al denaro e più al genocidio. La dea Kali è affamata da millenni.

giovedì 12 novembre 2009

L' IMPERO GNOSTICO È TRA NOI




Oramai scorre sul web un insano fiumiciattolo gnostico. Immagini evocatrici di battaglie stellari dai colori sgargianti, icone popolari di finti eroi tratti dai cartoni animati, nevrosi semantico-enigmistiche come guida per autostoppisti della domenica che si avventurano in territori tristemente psico-ossessivi. Fantasticherie e apologie dell'irrazionale strillate e spacciate per autentica gnosi. Scorre sul web la banalizzazione del complotto, di contro ad una sequela di misure pseudomagiche, innaffiate dalla cocacola new age, che al contrario del buon vino, gonfia e dà dipendenza. Il buon Tolkien ci suggeriva di evadere dalla prigione della modernità, dalle ideologie, dai falsi valori, dall'economicismo, dalla psicanalisi, ma ci diffidava dall'evadere dalla prima linea della vita, l'evasione dalla realtà, compiutamente intesa. Cari amici del web, la mente non è un vessillo da riempire ma un fuoco da accendere. Non dobbiamo perseguire fughe dalla realtà, ma tendere verso la profondità della realtà.
Sulla paura generalizzata e sul sentimento liberato da ogni controllo razionale si edificano gli imperi. Non è un caso se la contemporaneità si rispecchia nei miti gnostici del I secolo d.C. Da Minority Report fino al Truman Show, dal Grande Fratello televisivo e letterario fino ai vari Matrix, passando attraverso l'opera più emblematica per comprendere il nostro tempo - intendo la narrativa di P.K. Dick -, l'uomo contemporaneo si immagina, come l'antico gnostico, rinchiuso in una gabbia di ferro, chiamata cosmo, generata da un dio decaduto irrazionale e pazzo. L'Impero, secondo la gnosi, è stato generato dalla paura di un Dio minore che si sente minacciato e che si alimenta della paura di uomini che non cessano mai di tremare. Se cessassero di tremare l'Impero si scioglierebbe, in un sol giorno, come neve al sole. Per evitare questa catastrofe occorre perciò che il Terrore sia costantemente evocato dall'Impero. Non c'è nemmeno più bisogno di un terrore reale. È sufficiente la minaccia periodica. All'uomo deve infatti essere ricordata costantemente la sua natura pascaliana di esile canna. Così si potranno all'infinito costruire muri e dispensare protezione. Che ne sarebbe invece dell'Impero e di quel Dio minorato che lo regge se l'uomo, come insegnano i classici, si ricordasse della sua somiglianza con il vero Dio e della sua partecipazione a quella natura divina?

lunedì 9 novembre 2009

UFO: NON È TUTTO SATANA QUELLO CHE VOLA




Sullo scottante tema degli UFOs, vanno fatte alcune riflessioni in merito alle posizioni che ambienti tradizionalisti sostengono nei confronti del fenomeno, che considerano, sic et simpliciter, dannosissime infezioni psichiche che possono arrivare a compromette l’anima dell’ uomo.

Vorrei sottolineare che spesso tali posizioni non tengono conto della complessità delle cose. Si opera per così dire una "reductio ad Satana" che è quel modus operandi tipico dell'integralismo religioso e ideologico, per cui ogni fenomeno che esca dai canoni riconosciuti (che sono invero assai angusti) è marchiato di demonismo.

Il problema degli UFO è sicuramente complesso ed è un peccato non aver avuto Guénon od Evola (alcuni suoi ultimi articoli, in realtà, riguardavano i dischi volanti, ma non possedevano più quella profondità di analisi tipica del barone) ad affrontarlo estesamente dato che la casistica di avvistamenti è andata crescendo esponenzialmente dopo la loro morte. Certo esistono varie considerazioni del francese al riguardo in vari suoi libri e mi viene in mente quel capitolo de "Il Regno della quantità e i segni dei tempi" che si intitola "Le fenditure della grande muraglia" ma non vi sono riferimenti espliciti ai dischi volanti. Poi si fa troppa confusione (non so se intenzionale o meno) tra il fenomeno UFO e la credenza negli alieni. Ora è vero che questi due argomenti sono quasi sempre collegati e confusi nella mente delle persone (e sarebbe interessante chiedersi anche a chi giova questa confusione) ma uno studio serio e approfondito dovrebbe tendere a discriminare e distinguere i due aspetti.

Sugli UFO, che ricordiamo è la sigla in lingua inglese che sta per Unidentifying Flying Object e che ha il suo corrispettivo italico in OVNI (Oggetto Volante Non Identificato) esiste una mole di testimonianze (anche fotografiche e video, sebbene per me hanno un valore relativo) abbastanza impressionante; vanno pure tenute in debito rilievo, le strategie di insabbiamento e disinformazione che il potere mondialista ha svolto e svolge dalla fine della Seconda Guerra mondiale ad oggi, che confermano implicitamente la realtà drammatica di eventi non riconducibili a cause ordinarie. Insomma, bisognerebbe veramente essere degli scettici impenitenti per non concedere almeno il beneficio del dubbio alla possibile esistenza degli UFO. E bisogna rimarcare che qui si sta facendo riferimento a oggetti non identificati e che quindi nessuno ha ben chiaro cosa siano. Varie ipotesi prendono in considerazione la possibile origine tecnologica umana di tali oggetti e altre la loro natura "intelligente" e quindi riconducibile a entità biologiche senzienti sconosciute. Io direi che una possibilità non esclude automaticamente l’ altra visto per lo stesso cielo vanno sia gli uccelli che gli aeroplani.

Per quanto riguarda gli alieni invece si è su un terreno molto più infido: di prove documentate ne esistono in minor numero e la frequenza delle contraffazioni è molto alta.

Non mi voglio dilungare oltre perché rischio di incartarmi in un discorso troppo articolato per poterlo gestire adeguatamente in questo spazio; mi preme riaffermare che se è vero che esistono più cose in cielo e in terra di quante la filosofia abbia mai sognato, è da esseri miopi e interiormente spezzati ricondurle forzatamente tutte al diavolo o chi per lui. La mia classificazione (vedi X TIMES) tra saturniani e uranidi è sì schematica, ma rende l'idea di una molteplicità di esseri e di intenti riconducibili alla varietà e grandezza di universi e mondi.

Lasciatemi pensare per un momento che forse la natura conosce ancora cose che noi abbiamo dimenticato e che Dio non ha lasciato questo campo totalmente in mano al suo nemico.

venerdì 6 novembre 2009

CODICE LOVECRAFT 2



La capacità degli stregoni di usare energie psicoanimiche viene loro dal Crepuscolo, l'Intermundia, una sorta di altra dimensione… no, diciamo meglio che si tratta di un altro aspetto della realtà, un altro livello di comprensione cui possono accedere solo determinati individui. Entrando nel crepuscolo riescono a ottenere questi poteri, ma inconsciamente o meno compiono anche una scelta: a seconda di come è il loro cuore, il loro animo… a seconda dei sentimenti con i quali entrano nel crepuscolo per la prima volta, possono diventare emissari delle tenebre. Questa era la condizione della congrega magica in cui ci eravamo imbattuti. Rutilio ed io però, in quell'epoca non ci facevamo tutti questi distinguo. La nostra ricerca dell'occulto era senza se e senza ma. Dicevo dei fatti. I fatti nel mondo dell'occulto, sono più ricorrenti di quanto si possa credere dall'esterno.

Il freddo era diventato una costante debilitante. Ma tanta era la voglia, forte era il desiderio che tutto si superava. Ad un certo momento, vedemmo partire dall'isola antistante il nostro posto di evocazione, un cerchio rosso cremisi enorme, vista la distanza. Un cerchio dal bordo fiammeggiante si muoveva a velocità sostenuta verso di noi. I sette con le spalle all'isola evidentemente non si accorsero di quanto stava avvenendo, ma noi con gli occhi sbarrati e attoniti lo vedevamo benissimo e nemmeno ci venne in mente di avvisarli. Vi assicuro amici, non battemmo ciglio per alcuni minuti, il tempo impiegato dalla cosa fiammante ad avvicinarsi. Essa volava a circa cinquanta metri dalla superficie del lago di Bolsena, con andatura costante e senza emettere suoni. Il suo riflesso sull'acqua sottostante era spettacolare. A pensarci ora, un effetto speciale di tale portata avrebbe reso un colossal qualsiasi film di sci fi, ma in questo caso non si trattava di finzione, bensì di un fenomeno magico, o un evento ultradimensionale, forse addirittura per certi versi ufologico. La nostra interpretazione, in quegli anni di attività frenetica sul versante magico, non poteva che essere di carattere esoterico: quella forma proveniva da piani elementali astrali (Tattwa).
Giunto ad una ventina di metri da noi, il cerchio rosso si manifestò in tutta la sua grandezza e bellezza. Possedeva un fascino specialissimo, non so se riesco a spiegarmi bene, volevo dire che aveva un potere di attrazione pazzesco, ecco, assorbiva i nostri sensi. Le sue dimensioni erano eccezionali, un diametro di 70/80 metri di fuoco avvampante che non emetteva calore. Rimase sospeso davanti ai nostri occhi per una manciata di secondi, non saprei essere più preciso. Poi fece un giro sul suo diametro così da diventare una linea in prospettiva. Si ridusse oppure si incuneò in chissà quale portale e svanì. Ci guardammo, Rutilio ed io, ma non riuscimmo a dirci nulla. Nel frattempo, quando tutto era finito, i sette stregoni si distolsero e ci raggiunsero, chiedendoci se avevamo sentito o visto qualcosa. Noi con la faccia come il c... negammo di aver udito o visto alcunché. Ci venne spontaneo, non ci eravamo messi d'accordo, ma dopo svariate esperienze avevamo stabilito una sorta di complicità e sintonia tali da muoverci con prudenza e sincronismo in tante situazioni particolari ed incredibili come quella appena vissuta.
I romani, dopo essersi scambiati alcune sensazioni concernenti quanto da loro appena realizzato – minutaglie rispetto a quanto da noi visto – ci salutarono frettolosamente. Colsi mentre se ne andavano, una breve frase della bellona, “ma perché ce li siamo portati”, mentre Rutilio si limitò a guardarle le terga seducenti.
In fondo, grazie a questi borghesi dell'occulto abbiamo avuto la possibilità di assistere ad un evento tale da influire notevolmente le nostre scelte future. Lovecraft aveva ragione e si sarebbe fatto pure una bella risata.

mercoledì 4 novembre 2009

Dai lumi al lumicino




La ricerca scientifica confuta i solenni pregiudizi e gli assiomi impellenti per mezzo dei
quali l’ideologia scientifica intendeva isolare la religione nel recinto lukacsiano dell’irrazionale. Ad una ad una le “voci” emesse dalle agenzie volterriane si riversano in
uno strepitoso e comico dizionario dei pesci d’aprile. Due notizie provenienti dal mondo scientifico, aprono nuove prospettive agli storici della religione e a tutti i ricercatori della verità: la dimostrazione rigorosa dell’unità biologica del genere umano e la catalogazione delle similitudini tra la cosmogonia dei Sumeri e il Genesi. La prima notizia riguarda le ricerche dei biologi, che hanno dimostrato, grazie ad una sistematica ricerca sui Dna delle varie popolazioni del globo, la comune origine di tutti gli uomini. C'è l’implicita accusa, che tale scoperta rivolge contro le stupide e feroci mitologie intorno alle differenze di natura fra le “razze” umane. La vera scienza afferma categoricamente che non ha senso alcuno parlare di razze superiori e inferiori. L’umanità costituisce un’unica razza. D’ora in avanti il razzismo non avrà più quell’alone di pseudo scienza che la “certezza” poligenista gli conferiva. Purtroppo nessuno ha finora osservato che la dimostrazione dell’unità della razza umana ferisce a morte anche un vecchio pregiudizio razionalista, cioè la teoria secondo la quale era impossibile la derivazione dell’umanità dal solo Adamo, come narra la Sacra Scrittura. Non si può dimenticare che l’ipotesi poligenista ha incrementato le contrapposte forme delle barbarie ideologica, il razzismo e il classismo, che hanno fondamento nella decisione di separare l’uomo dall’uomo. Confutato il poligenismo, l’argomento che dichiarava inammissibile l’origine nell’unico Adamo e scientificamente inattendibili i testi sacri cade nella fosse delle leggende infantili. Nel campo dei credenti, nessuno dirà che adesso la Bibbia è “dimostrata”, ma nell’altro campo nessuno potrà dire seriamente che il Genesi è un mito. L’orizzonte della critica biblica cambia colore, a mal grado dell’inavvertenza clericale. La ricerca sul Dna svela, infatti, la parentela non lontana tra razzismo e razionalismo ateo (o come di diceva nel XVIII secolo “deista”). Una parentela che, tra l’altro, dà ragione delle bizzarre escursioni di Voltaire nella foresta antisemita ovvero della sorprendente simpatie nazista per Voltaire. Si fa incerto il confine che separava gli orrori della destra razzista dagli errori della sinistra illuminata. Anche questo è un segno del postmoderno incipiente. La seconda scoperta riguarda la documentata e attendibile tesi di un autorevole studioso di assirologia, il professor Giovanni Pettinato, accademico dei Lincei, in base alla quale il racconto biblico della creazione corrisponde alle teorie dei sumeri, che cominciarono ad apparire sulle tavolette d’argilla intorno al 2400 avanti Cristo. Questa scoperta può dimostrare (come afferma il professor Pettinato) che gli scribi giudei, che misero mano alla stesura dell’Antico Testamento, lo copiarono con molta probabilità dai documenti dei sumeri, ma può anche essere usata, e con piena legittimità, per far cadere un altro pregiudizio razionalista : quello che dichiarava impossibile l’esistenza di un monoteismo primitivo. La teoria che riguarda il monoteismo primordiale indica un fatto accertato con metodo rigoroso da uno studioso cattolico di etnologia, il padre Guglielmo Schmidt s.v.d., che negli anni Trenta dirigeva il pontificio museo etnologico lateranense. In un saggio di storia comparata delle religioni, pubblicato dalla Morcelliana nel 1934, il padre Schmidt scriveva infatti: “presso i popoli etnologicamente più antichi, i Pigmei, i Fueghini, gli Australiani sudorientali, i Californiani nordcentrali, gli Algonchini, ... il culto dell’Essere supremo raggiunge le vette più alte”. All’origine della civiltà umana non si trova il politeismo ma una forma elevata (e universalmente diffusa) di monoteismo. Il campo dell’etnologia è lontanissimo da quello della biologia, ma i risultati convergono nell’indicare l’unità fondamentale del genere umano. Il padre Schmidt, che interpretava i racconti dei primitivi, era incline a credere che il monoteismo delle origini fosse l’effetto di una rivelazione divina e non di una ricerca condotta con il solo ausilio del lume razionale : “non c’è mai alcun indizio, scriveva nel saggio citato, che la loro [dei popoli etnologicamente più antichi] religione sia il risultato delle loro ricerche o esigenze, ma invece ci consta sempre che essi fanno risalire la religione all’Essere Supremo, all’Essere supremo come tale, il quale sia in via immediata sia col tramite del capostipite da lui incaricato, avrebbe comunicato e inculcato agli uomini le dottrine di fede, i precetti morali e le forme di culto”. Il problema non è trascurabile, in quanto potrebbe riaprire la porta all’errore del tradizionalismo (Gerdil, Bonnetty, De Bonald), che disconosceva l’efficacia della ragione umana. Ma l’indecisione sull’origine (razionale o rivelata) del monoteismo primitivo passa in seconda linea davanti al ricordo della violenta insurrezione di tutte le scolastiche di derivazione illuministica e positivistica contro il padre Schmidt e della sua teoria. L’opera di padre Schmidt, infatti, fu sepolta nel dimenticatoio. Ecco uno fra i più singolari paradossi del Novecento: la maggioranza della comunità scientifica internazionale dichiarava di non condividere le teorie razziste, e tuttavia incrementava lo sragionamento germanico negando stupidamente il fondamentale principio dell’unità del genere umano in Adamo e nel monoteismo primitivo. È dunque facile intuire la ragione dell’accostamento, che ad uno sguardo superficiale può apparire bizzarro, delle ricerche sul Dna alle ricerche sulle tavolette cuneiformi dei Sumeri: nei due campi di ricerca, se il ricercatore è scientificamente corretto, se non è appiccicato ai rottami del Settecento, si trovano testimonianze dell’unità del genere umano. Lo scientismo moderno è messo fuori gioco dall’attualità scientifica.

martedì 3 novembre 2009

domenica 1 novembre 2009

Archeologia proibita: la storia segreta della razza umana



Inedite informazioni storiche e scientifiche sul nostro passato
Michael Cremo, Richard L. Thompson
(I Nuovi Delfini, Gruppo Futura, 1977)
 
"La nostra civiltà, come ogni civiltà, è una congiura" (Louis Pauwels)
Isola di Manitoulin (lago Hurona, America Settentrionale), anni Cinquanta. Nel corso di una campagna di scavi condotta da Thomas E. Lee, del Museo Nazionale del Canada, vengono rinvenuti nei depositi glaciali di Sheguiandah degli "utensili sofisticati in pietra". L'analisi del materiale, porterà il geologo John Sanford, della Wayne State University, ad ipotizzare per i reperti un'età compresa tra i 65 mila e i 125 mila anni1. Una datazione straordinaria, tale, se confermata, da rimettere in discussione i principi dell'archeologia ufficiale! Come sottolinea Michael Cremo, commentando il caso in questione nell'introduzione al volume scritto assieme a Richard L. Thompson2, secondo le teorie ufficiali, gli esseri umani sarebbero apparsi la prima volta nel Nord America - raggiungendo il continente dalla Siberia - soltanto 12 mila anni fa! In pratica, si tratterebbe di "ritoccare" le datazioni ufficiali anche di ben cento mila anni!
Se le implicazioni legate ad uno scenario del genere sono ben immaginabili, quello di Sheguiandah non è che uno dei tantissimi casi "incredibili", e certo non il più clamoroso, dei quali nel libro di Cremo e Thompson viene offerta una raccolta imponente, frutto di otto anni di ricerche. Una lunga rassegna di scoperte "impossibili", rinvenimenti inspiegabili, venuti alla luce dal XIX secolo ad oggi, che non solo pongono seri interrogativi sulle datazioni ortodosse, ma rispetto ai quali vengono a vacillare appunto le fondamenta stesse dell'archeologia, oltre che, per esempio, della paleontologia.
Soprattutto, quale filo conduttore dell'intera opera, emerge una denuncia della parzialità e del dogmatismo della scienza ufficiale, che avrebbe costruito le proprie certezze ignorando ogni scoperta contrastante con le ipotesi approvate e denigrando e isolando ogni ricercatore promotore di teorie alternative o soltanto "colpevole" di essere disposto a prendere in esame dati "imbarazzanti".
Ci è sembrato interessante proporre il caso di Sheguiandah fin dalle prime righe di questa recensione - che, essendo tanto più proposta da chi non può vantare alcuna competenza in materia, vuole avere come unico obiettivo quello di invitare alla lettura di un libro certamente "scomodo" - perché appare emblematico per i retroscena e per lo stesso "finale" della storia. Per i quali, meritano di essere riportati per intero i seguenti brani dal testo:
"Lo scopritore dell'insediamento fu cacciato dalla sua posizione nel Servizio Civile e per molto tempo gli venne rifiutato qualsiasi lavoro; i canali di pubblicazione letteraria furono tagliati; e le prove furono distorte da diversi famosi scrittori...; le tonnellate di reperti svanirono nei bidoni usati come deposito del Museo Nazionale del Canada; per essersi rifiutato di licenziare lo scopritore, lo stesso direttore del Museo Nazionale, che aveva proposto di far pubblicare una monografia sui reperti, fu licenziato dal governo; il prestigio e il potere dei funzionari ufficiali furono ampiamente utilizzati per entrare in possesso dei sei reperti di Sheguiandah che non erano stati destinati al Museo, e il luogo dell'insediamento è stato trasformato in una località turistica...".
"Sheguiandah" - queste le eloquenti parole conclusive - "avrebbe costretto i bramini dell'antropologia a confessare di non essere onniscienti. E avrebbe necessariamente portato a riscrivere quasi tutti i libri presenti sul mercato. Doveva essere eliminato. Ed è stato distrutto".
La rassegna dei casi "inspiegabili", per molti dei quali peraltro è stata definitivamente cancellata ogni prova, è impressionante. E se sulla valutazione di reperti come orme o ossa e sulla relativa datazione si possono in effetti registrare valutazioni discordanti, se per tanti singoli casi si sono scontrati pareri diversi ed opposti, certo si rimane sconcertati di fronte alla notizia del ritrovamento - avvenuto nelle miniere del Sud Africa - di centinaia di sfere di metallo in un deposito minerale del Precambriano datato 2,8 milioni di anni, o delle statuette di argilla rinvenute nell'Idaho o in Europa in giacimenti di milioni di anni fa! Tra i reperti "impossibili", troviamo il muro di mattoni rinvenuto in una miniera durante l'estrazione di carbone risalente al Carbonifero (1928, Texas), tubi metallici in formazioni di gesso del Cretaceo (1968, Francia), un'iscrizione in un blocco di marmo estratto ad una profondità di venti metri (1830, Filadelfia). "Certamente" - scrivono gli autori in merito a tali episodi - "si tratta di prove molto bizzarre, corredate di pochissime prove. Ma sono storie che circolano e ci chiediamo quante ne stiano circolando, e se qualcuna possa essere vera".
Ampia attenzione viene invece dedicata ad una estesa casistica, la cui documentazione comprende anche i pareri di eminenti scienziati e le relazioni pubblicate in prestigiose riviste o presentate in occasioni di congressi ufficiali. Una prima sezione è riservata ai ritrovamenti aventi per oggetto ossa incise o spezzate in modo non naturale, risalenti al Pliocene, al Miocene ed a periodi ancora più remoti. Vengono poi esaminati i casi di ritrovamenti di "oggetti in pietra di fabbricazione insolitamente antica", e quelli relativi ai resti di scheletri umani "anomali".
Naturalmente, data la complessità delle argomentazioni, qui ci limitiamo soltanto ad accennare ad alcuni dei casi più interessanti descritti (tra questi alcuni venuti alla luce in Italia), rinviando per ogni approfondimento alla lettura del libro. Quella reperibile in italiano, è peraltro un'edizione ridotta: una scelta voluta dagli autori per non appesantire il lettore con le analisi geologiche e gli studi specialistici, riportati invece nell'edizione integrale in inglese (ricca di oltre novecento pagine).
L'opera di recupero delle "prove sepolte" parte da St. Prest (Francia nordoccidentale), dove nel 1863 Jules Desnoyers, del Museo Nazionale Francese, nota segni incisi su un frammento di tibia di rinoceronte non imputabili ad agenti naturali. Desnoyers scoprirà che anche i fossili esposti presso il Museo di Chartres e presso la Scuola mineraria di Parigi presentavano le stesse incisioni, spiegabili, come sosterranno anche vari paleontologi, soltanto con l'azione volontaria di un essere umano. Un'ipotesi che forse sarebbe apparsa ovvia, se non fosse che il sito degli scavi di St. Prest appartiene al tardo Pliocene, epoca in cui per l'archeologia ufficiale, viene spiegato, "la presenza di esseri capaci di fare un uso sofisticato di oggetti in pietra risulterebbe quasi impossibile"! La scoperta non mancherà di provocare accese polemiche - l'ipotesi di Desnoyers, come del resto viene onestamente riportato, sarà contestata da vari archeologi - e alla fine tale ritrovamento finirà per cadere nell'oblio. Eppure a tutt'oggi nessuna prova definitiva che possa escludere l'azione di esseri umani sarebbe stata presentata, e per gli autori "non esistono sufficienti motivi per rifiutare categoricamente queste ossa come prova della presenza umana nel Pliocene". Perché, si chiedono commentando la scoperta di Desnoyers, di tali reperti non si parla nei libri di archeologia? Per la risposta a questo interrogativo, vengono riportate le parole di Armand de Quatrefages, membro dell'Accademia della Scienza francese e professore al Museo di Storia naturale di Parigi, per il quale "le obiezioni sollevate contro l'esistenza di esseri umani nel Pliocene e nel Miocene sembrano di norma collegate a considerazioni teoriche più che all'osservazione diretta"3.
Alle stesse conclusioni si arriverà per tante altre scoperte "anomale" avvenute in Inghilterra, Grecia e Italia, che non necessariamente ci riportano all'Ottocento o all'inizio del Novecento. Un caso recente, siamo nel 1970, ha per scenario il Nord America: ossa di cervidi, che per lo scopritore Richard E. Morlan, dell'Istituto di Ricerche Archeologiche del Canada e del Museo Nazionale Canadese dell'Uomo, mostrerebbero chiari segni di intervento intenzionale umano anteriori al processo di fossilizzazione, sono state rinvenute in un uno strato geologico databile fino a ottantamila anni. Ancora una sfida quindi alle teorie ufficiali sull'origine dell'uomo nel continente americano...
Ancora più ampia è la sezione relativa ad utensili ed armi in pietra. Tali ritrovamenti, spesso corredati da una grande quantità di prove, furono numerosissimi nei decenni successivi alla pubblicazione dell'Origine delle specie di Darwin e, viene sottolineato, per decenni sono stati oggetto di discussione nei congressi scientifici, finché "intere categorie di dati sono scomparsi dalla scena".
Rinvenimenti contrastanti con le teorie ufficiali sull'evoluzione umana sarebbero state fatte anche negli ultimi decenni in Pakistan, Siberia, India, Usa, Messico. Ma il copione sembrerebbe essere sempre lo stesso: le scoperte in grado di mettere in discussione le teorie dominanti sull'evoluzione verrebbero ancora oggi sistematicamente soppresse. Ciò si sarebbe verificato soprattutto per i ritrovamenti di scheletri umani "anomali", cioè rinvenuti in contesti geologici incredibilmente antichi, anch'essi tutt'altro che rari pure nel ventesimo secolo. "Benché queste ossa umane abbiano attratto inizialmente un notevole interesse" - viene osservato - "sono praticamente sconosciute. La maggior parte della letteratura corrente fornisce l'impressione generale che, dopo la scoperta del primo Neanderthal nel decennio 1850, non si siano verificate scoperte significative di scheletri fino al ritrovamento dell'Uomo di Giava successivo al decennio 1890".
Nella rassegna relativa ai resti di scheletri umani, si va dal "femore di Trenton" (New Jersey), rinvenuto in uno strato risalente al periodo interglaciale (centomila anni), allo scheletro rinvenuto a Gallery Hill (nei pressi di Londra) in un deposito risalente a oltre trecentomila anni fa. Soprattutto quest'ultimo caso darà vita a pareri discordanti (la maggior parte degli archeologi sosterranno che lo scheletro sia stato sotterrato recentemente). Ma come viene osservato, le prove fornite in questo caso, come del resto in molti altri, non sono sufficienti a risolvere i dubbi. Tra i reperti anomali, la cui natura apparirebbe invece molto meno discutibile, troviamo teschi, orme, vertebre, mentre gli autori fanno solo un accenno a quelle che vengono definite "anomalie estreme".
"E' davvero piuttosto curioso" - questo il commento di Cremo e Thompson - "che tanti ricercatori scientifici del diciannovesimo secolo e dell'inizio del ventesimo secolo abbiano riportato indipendentemente e ripetutamente di segni su ossa e conchiglie del Miocene, del Pliocene e del primo Pleistocene che indicano segno di interventi umani. [...] Tutti questi scienziati si sbagliavano? Forse. Ma i segni di tagli su ossa fossili sono un oggetto davvero strano su cui sbagliarsi, un soggetto ben poco romantico o ispirante". Se poi non si avrà ulteriore notizia di scoperte del genere, viene spiegato, non sarà perché non si siano presentati nuovamente episodi simili, ma semplicemente perché nessuno scienziato si azzarderà più a parlare di ritrovamenti "anomali": "Se si accetta l'esistenza di tali prove nel passato, viene da chiedersi come mai non se ne trovino più oggigiorno. La risposta, un'ottima risposta, è che nessuno le cerca. [...] Se un paleoantropologo è convinto che nel medio Pliocene non potevano esistere esseri umani capaci di fabbricare attrezzi, è assai poco probabile che rifletta sull'esatta natura dei segni che appaiono sulle ossa fossili di quel periodo".
Gli interrogativi si fanno ancora più inquietanti quando gli autori, nella seconda parte del volume, passano ad analizzare le "prove" sulle quali l'archeologia ha invece fondato il proprio impianto teorico ed in particolare la teoria evolutiva ufficiale. Una teoria che per Cremo e Thompson presenterebbe molte ombre, anche per mancanza di prove definitive, e che viene giudicata inadeguata a spiegare troppi aspetti ed interrogativi, che tuttora non troverebbero risposta.
A questo riguardo, alcune considerazioni ci sembrano comunque opportune. Attorno all'evoluzionismo, il dibattito oggi è quanto mai aperto, anche per la diffusione che in questi ultimi tempi stanno registrando le teorie creazioniste. Di certo fino a pochi anni fa sarebbe stata impensabile la notizia, accolta con comprensibile clamore dalla stampa, che in uno degli Stati Uniti si è arrivati a proibire l'insegnamento dell'Evoluzionismo nelle scuole. Insomma, siamo ben consapevoli di quanto sia difficile addentrarsi su tale terreno. Ma negli ultimi tempi anche all'interno del mondo scientifico molti scienziati hanno posto la necessità di rimettere in discussione se non altro alcuni aspetti della teoria evolutiva. Se fino a poco tempo fa negli ambienti accademici era impossibile anche soltanto accennare a mettere in dubbio alcuni assunti secondari, oggi il clima sembra essere cambiato. Prova ne è la pubblicazione di una lunga serie di volumi, dove si arriva a proporre il superamento di alcuni punti salienti del darwinismo. Ed è proprio in riferimento al dibattito interno all'evoluzionismo, che il libro di Cremo e Thompson è forse tanto più attuale. Sia per l'esigenza, ribadita con forza, di un dibattito e un confronto libero e a tutto campo. Sia perché rispetto a posizioni "intransigenti" (la critica creazionista), gli autori, pur non nascondendo di riconoscersi in una precisa visione religiosa - quella vedica - per la quale l'esistenza dell'uomo sarebbe molto più antica di quanto asserito dalla scienza ufficiale4, si limitano ad avanzare l'ipotesi che "esseri umani ed esseri scimmieschi esistono contemporaneamente da lungo tempo", non addentrandosi sul problema specifico delle origini.
Tale prospettiva, almeno in parte, non è incompatibile con alcuni dei nuovi orientamenti che stanno emergendo all'interno delle correnti evoluzionistiche che, rifiutando la teoria monogenetica e lineare dell'evoluzione, propendono invece per l'ipotesi di una linea evolutiva non univoca, una prospettiva che non esclude la compresenza di più specie nello stesso periodo5.
In questa opera Cremo e Thompson non hanno comunque la pretesa di formulare una compiuta teoria alternativa, un obiettivo questo che, come viene spiegato, sarà oggetto di un secondo lavoro, e va riconosciuto che le convinzioni degli autori non hanno condizionato l'esposizione dei tanti casi presentati nel libro. E come spiega nella prefazione E. Johnson (autore di Processo a Darwin), "alla fine, l'importante non è perché i ricercatori erano motivati a cercare un tipo di prove, ma se hanno trovato qualcosa che valga la pena di riportare e che possa valere la seria considerazione della comunità scientifica".
Dall'analisi delle prove e delle relazioni scientifiche, emergerebbe come in molti casi le conclusioni alle quali sono arrivati numerosi archeologi ortodossi, sarebbero state tratte in modo decisamente discutibile, sulla base di analisi inadeguate o di una interpretazione dei dati forzata. All'indomani della pubblicazione dell'Origine delle specie, l'obiettivo era stato quello di fornire ad ogni costo prove a sostegno della teoria di Darwin, e soprattutto in grado di screditare le altre posizioni. Cremo e Thompson spiegano infatti come alla fine dell'Ottocento quella di Darwin non fosse l'unica teoria sull'evoluzione, ma come esistessero concezioni differenti. In particolare, molti archeologi accettavano l'idea che l'uomo moderno avesse fatto la propria comparsa in tempi molto più remoti di quanto non sostenga oggi l'archeologia ufficiale. L'antropologo Frank Spencer scrive per esempio: "dalle prove accumulate sotto forma di scheletri, sembra che il tipo di scheletro umano si possa far risalire molto addietro nel tempo, un fatto evidente che ha portato molti ricercatori ad abbandonare o a modificare le loro opinioni sull'evoluzione umana. Uno di questi apostati fu Alfred Russel Wallace"6. Proprio la posizione di Wallace che, come viene sottolineato, condivide con Darwin l'elaborazione della teoria dell'evoluzione attraverso la selezione naturale, rappresentava però per lo stesso Darwin la peggiore delle eresie. La maggiore critica al darwinismo, era costituita dalla mancanza di prove fossili dell'evoluzione umana, ma ecco che nell'ultimo decennio dell'Ottocento viene annunciata la tanto attesa scoperta dell'anello mancante, la prova della specie che testimoniava il passaggio dall'uomo alla scimmia: l'uomo di Giava, battezzato dallo scopritore, Eugene Dubois, "Pithecanthropus" (nome formato dalle parole greche indicanti "scimmia" e "uomo"). Tale scoperta contribuirà all'affermazione della teoria di Darwin, ma soprattutto a far perdere terreno alle altre, a partire da quella di Wallace. Ma fin da subito era stata giudicata priva di fondamento da molti studiosi, per i quali non poteva esserci la certezza che i resti rinvenuti a Giava potessero far pensare all'esistenza di un essere avente in parte caratteristiche scimmiesche ed in parte umane. Nel corso degli scavi Dubois aveva in particolare rinvenuto un resto di calotta cranica, in un primo tempo addebitata ad una scimmia antropomorfa, e un femore fossilizzato di tipo umano. Nella relazione ufficiale Dubois, cambiando tra l'altro il proprio parere, ipotizzerà che i due resti appartenevano allo stesso essere, che chiamò appunto Pithecanthropus. Ma non ci sarebbe alcuna prova dell'appartenenza dei due frammenti allo stesso essere e non invece a due esseri distinti. Tanto più che il femore era stato rinvenuto a tredici metri dal resto di calotta cranica! Lo stesso Dubois in seguito si ricrederà e molti antropologi sconfesseranno tale ipotesi. In ogni caso, infine, il risultato sarà raggiunto: per il mondo intero l'anello mancante, la prova tanto attesa, era stata trovata.
La storia dell'archeologia ufficiale non manca di essere caratterizzata anche da falsi clamorosi, come dimostra la storia di Piltdown. All'inizio del Novecento viene annunciata da Charles Dawson, membro della Società Geologica, una strabiliante scoperta: il ritrovamento a Piltdown (Sussex) di un teschio umano con mascella da scimmia. La notizia susciterà come comprensibile grande eccitazione. Ma fin da subito fu vista con sospetto da numerosi archeologi. Si scoprirà ben presto che il teschio era il frutto di una manipolazione. In questa vicenda ci troviamo di fronte non ad errori involontari, ma ad una vera e propria truffa. Il problema più generale, viene evidenziato, è rappresentato dai tanti episodi in cui le conclusioni discutibili o errate a cui arrivano gli archeologi, non sono frutto di malafede, ma sono prodotte dalle loro convinzioni. Forti condizionamenti, per dire di un altro aspetto analizzato nel libro, possono essere esercitati anche dalle stesse fondazioni che finanziano le ricerche: quelle condotte in Cina da Davidson Black sull'Uomo di Beijiling, si sarebbero svolte "all'interno del ben più ampio scenario dello scopo esplicitamente dichiarato della Fondazione Rockefeller, che rifletteva lo scopo implicito della grande scienza: il controllo del comportamento umano da parte degli scienziati".
Interessante è pure l'analisi di Vayson de Pradenne tratta da Fraudes Archéologiques (1925): "Si trovano spesso degli uomini di scienza posseduti da idee preconcette i quali, pur senza commettere vere e proprie frodi, non esitano a presentare i fatti osservati in modo da canalizzare l'attenzione altrui nella direzione che concorda con le loro teorie". Così per de Pradenne ci troviamo non di rado di fronte a "una vera e propria truffa nella presentazione stratigrafica dei reperti, una truffa causata dalle sue idee preconcette, ma eseguita più o meno coscientemente da un uomo in buona fede che nessuno definirebbe un imbroglione. E' un caso che si è verificato spesso".
Secondo Cremo e Thompson, reperti interpretati in modo errato sarebbero presenti nei musei di tutto il mondo: "Anche se, considerati separatamente, questi casi di filtraggio delle conoscenze sembrano poco importanti, l'effetto cumulativo è travolgente e riesce a distorcere e ad oscurare radicalmente il quadro delle origini e dell'antichità dell'uomo".
"Forzature" nell'analisi dei fossili a parte, la teoria evolutiva proposta dalla scienza ufficiale si reggerebbe in piedi soprattutto grazie ad una sistematica eliminazione dei dati "scomodi": "Questa gratuita eliminazione di prove, prove sostenute da ricerche solide e valide quanto quelle che sostengono tutte le scoperte attualmente accettate, rappresenta una truffa perpetrata da scienziati che desiderano promuovere uno specifico punto di vista. Questa digressione dalla verità non sembra il risultato di un complotto organizzato deliberatamente [...] ma piuttosto del risultato inevitabile dei meccanismi sociali di filtraggio del sapere che sono in atto nell'ambito della comunità scientifica".
Sta di fatto, come ben spiega Phillip E. Johnson, che Cremo e Thompson dimostrano come ci si trovi di fronte ad un "doppio criterio di valutazione" dei reperti da parte dell'archeologia ufficiale: "I reperti degli esseri umani o dei loro attrezzi vengono accettati e riconosciuti se rientrano nei modelli ortodossi dell'evoluzione umana, mentre reperti altrettanto validi, che però non rientrano nel modello preconcetto, vengono ignorati o addirittura distrutti".
"Tali scoperte" - sottolinea ancora Johnson - "scompaiono ben presto dalla stampa e nel giro di poche generazioni diventano invisibili. Di conseguenza, è praticamente impossibile che teorie alternative sulla storia dei primi esseri umani ottengano qualche riconoscimento. Le prove stesse che potrebbero sostenerle non sono più reperibili e non possono più essere valutate".
Se questo è vero per i decenni passati, oggi nuovi ritrovamenti starebbero mettendo in crisi l'intero impianto teorico ufficiale. Il libro si conclude non a caso con una panoramica sulle ultime scoperte avvenute nel continente africano, oggetto peraltro di accese dispute. In anni recenti l'archeologia ha registrato prese di posizione anche clamorose, attraverso le quali archeologi e paleontologi hanno rimesso in discussione quelli che fino a poco tempo fa erano dei veri e propri tabù inviolabili. Ampia risonanza ha avuto per esempio sui mezzi di comunicazione l'ipotesi che tende ad escludere l'uomo di Neanderthal dalla linea evolutiva dell'uomo7.
Secondo Archeologia proibita ben altre certezze verrebbero a crollare, tanto che si arriva a contestare la legittimità dell'inclusione nella linea evolutiva anche dell'Astrolopithecus e dello stesso Homo Habilis.
Certamente si tratta di ipotesi di fronte alle quali è comprensibile un atteggiamento di scetticismo se non di incredulità. Ma dalle argomentazioni esposte nella critica alla conduzione delle ricerche e ai metodi "discutibili" con cui la scienza è arrivata a definire tanti principi, emerge come una buona dose di prudenza si possa fondatamente avere anche rispetto ai risultati dati per sicuri nei manuali e nei libri scolastici. A rafforzare la necessità di un atteggiamento maggiormente problematico, sono poi gli stessi commenti di archeologi ufficiali. Il giudizio di Pat Shipman, rispetto alla "confusa relazione tra le specie discendenti", è emblematico:
"Potremmo affermare che non abbiamo assolutamente nessuna prova sull'origine dell'Homo e così togliere tutti i membri del genere Australopithecus dalla famiglia degli ominidi... Provo un'avversione così viscerale a questa idea che sospetto di non essere in grado di valutarla razionalmente. Sono stata educata sulla base della nozione che l'Australopithecus è un ominide".
"Ecco" - questo il commento degli autori - "una delle affermazioni più oneste che abbiamo mai sentito da uno scienziato 'ufficiale' implicato nella ricerca paleoantropologica".
Una delle "anomalie" più sconcertanti venute alla luce in Africa è rappresentata dalle orme impresse su di uno strato di ceneri vulcaniche vecchie di 3,8 milioni di anni, scoperte nel 1979 a Laetoli (Tanzania Settentrionale). Orme che sembrerebbero chiaramente prodotte da ominidi. Tali reperti sono stati analizzati in un articolo pubblicato dal National Geographic in cui l'autrice, Mary Leakey, riporta le parole di Luise Robbins, esperta di impronte dell'Università del North Carolina: "hanno un aspetto troppo umano, troppo moderno, per essere state trovate in un tufo così antico". "Noi siamo comunque rimasti sorpresi di incontrare un'anomalia così evidente" - è il commento degli autori a questo caso - "nell'ambito insospettabile degli annali più recenti della ricerca paleoantropologica ufficiale. Quello che ci ha veramente sconcertato è stato vedere che scienziati di fama mondiale, i migliori della loro professione, erano capaci di osservare queste impronte, descrivere le loro caratteristiche umane, e ignorare la possibilità che le creature che le hanno lasciate potessero essere umane come noi. Evidentemente la loro corrente mentale influisce nei normali canali precostituiti".
Ma se sono sempre più numerosi gli scienziati che si rendono conto della necessità di riaprire la discussione sulle tante incongruità e sulle contraddizioni esistenti, l'atteggiamento scelto ancora oggi dalla scienza ufficiale è immutato: i dati "scomodi" si ignorano o si arriva alla soppressione delle prove. Cremo sottolinea che quando parla di soppressione delle prove, non si riferisce certo all'azione di un gruppo di "scienziati cospiratori" ma, come abbiamo visto, più semplicemente ad un "normale procedimento sociale di filtraggio della conoscenza".
Archeologia proibita è innanzitutto una denuncia dell'esistenza di un procedimento che, "apparentemente innocuo", alla lunga finisce per avere un "notevole effetto cumulativo". Al di là dei contenuti espressi, uno dei meriti maggiori del libro è proprio quello di far riflettere sull'esistenza di tale meccanismo, che appare ancora più rilevante se si parte da una consapevolezza. E cioè che i presupposti e le certezze sulle quali si basa l'archeologia, ed in particolare il darwinismo, più di quanto non valga per altre discipline, costituiscono le fondamenta dell'impianto teorico dell'intera scienza e dell'attuale visione del mondo.
In un articolo pubblicato ne Le Scienze8 - in cui si rifletteva su quale fosse il pensiero che più di ogni altro ha finito per condizionare la visione del mondo che l'uomo si porta con sé nel terzo millennio - è stato ben evidenziato proprio come: "da Darwin (piuttosto che Einstein, Marx, Freud ndr) dipende in larga misura la moderna concezione del mondo".
Si comprende allora quanto la difesa dell'ortodossia in questo campo assuma un'importanza che supera i confini della disciplina stessa e come accettare di rimettere in discussione anche solo alcuni aspetti, possa rappresentare un fatto ben più destabilizzante di quanto apparentemente si possa immaginare. E se un atteggiamento di chiusura può essere comprensibile quando ci si trova di fronte a teorie fantasiose e tutt'altro che basate su presupposti solidi, il rifiuto di discutere e confrontarsi su reperti o prove documentate, magari anche con il solo intento di confutare interpretazioni considerate prive di fondamento, non è accettabile. E gli interrogativi posti da Cremo e Thompson "perché ci si rifiuta di prendere in considerazione certe scoperte?"; "perché non se ne discute?", ci sembrano interrogativi più che legittimi.
 
1 Il sito sarà analizzato da quattro geologi. Per tre di loro i reperti risalivano all'ultimo periodo interglaciale e quindi potevano avere un'età compresa tra i 75 mila e i 125 mila anni. Nella dichiarazione congiunta tutti e quattro si accorderanno per un'età di minima di 30 mila anni. Per sconfessare tale conclusione sarà avanzata l'ipotesi di uno slittamento di fanghi, ritenuta però poco credibile.
2 Titolo originale: The Hidden History of the Human Race, Bhaktivedanta Book Trust-International, 1996.
3 Fossiles et Hommes Sauvages, 1884.
4 Michael Cremo e Richard Thompson, come spiegano nell'introduzione, appartengono all'Associazione internazionale per la Coscienza di Krishna, che si occupa della relazione tra la scienza moderna e la visione del mondo che emerge dalla letteratura vedica, ed è in questa prospettiva che hanno iniziato la loro ricerca.
5 In L'errore di Darwin di Hans-Joachim Zillmer (Piemme, Casale Monferrato, 2000) è addirittura avanzata l'ipotesi che esseri umani e dinosauri abbiano convissuto insieme*.
6 Alan R. Liss, The Origin of Modern Humans: A World Survey of the Fossil Evidence, New York.
7 la Repubblica, giovedì 30 marzo 2000: "L'uomo di Neanderthal non è nostro antenato - Glasgow, le analisi del Dna rivelano: non ci furono incroci sessuali con il Sapiens", articolo di Claudia Di Giorgio.
8 Le Scienze, settembre 2000. L'articolo, intitolato "L'influenza di Darwin sul pensiero moderno", è di Ernst Mayr**.