Chi legge "esamini tutto, ma ritenga solo ciò che è giusto".

La mente non è un vessillo da riempire, ma un fuoco da accendere.

lunedì 21 maggio 2012


MARGINE DUEMILADODICI
leggendo le tracce del kaos

Su facebook analizzo e commento da un po' e con toni amari, la cronaca politica italiana. Brevi pensieri, acidi quanto basta, indignati il giusto. Uso parole sferzanti nei confronti dei protagonisti, o meglio, dei burattini che si agitano calpestando la nostra amata e tanto bistrattata Patria. Le considerazioni che faccio andrebbero sempre integrate. non si deve prescindere dalle ombre che nascondono ben altri volti. Leggere la Storia è impresa assai gravosa, poiché impegna l'intelligenza e l'intuito, ma soprattutto la conoscenza della regia che agisce dietro le quinte, che rimane ovviamente defilata e lontana dai riflettori degli analisti, i quali, quando non sono prezzolati soldatini al servizio del Sistema, son privi di una visione del mondo simbolico-tradizionale, ma si limitano a fotografare ciò che appare, seguendo parametri che sfiorano soltanto la superficie delle cose e degli eventi. Posso dirmi fortunato se ho avuto in dote gli strumenti per vedere oltre le forme, per sentire l'inudibile. Scandurra mi ha permesso di entrare dentro la Realtà che è creta, si modella, si modifica, muta forma. Energie psichiche vengono attratte da simboli ancestrali, poi canalizzate su cose e persone. Schemi-catalizzatori sono periodicamente evocati da stregoni in doppio petto che operano indisturbati, ai fini di soggiogare popoli e destini.

Ma non è solo di questo che vi voglio parlare. Ciò che leggo dalle tracce del kaos è drammatico, certo, ma non senza via d'uscita. Il Vivente agisce a molti livelli, tanti quanti sono i livelli di coscienza. Ciò che si ritiene vero letteralmente, non è lo stesso del vero degli artisti; la verità spirituale potrebbe essere qualcosa di completamente diverso ancora. Per me, rimane difficile non riconoscere che l'umanità si trovi sul limitare del cambiamento. Si accumulano energie tali da far propendere per una rottura di livelli, sia nella struttura dello spazio che in quella del tempo. Il Varco è prossimo, dista da noi un centesimo di secondo dimensionale, e attende una mossa decisiva sullo scacchiere cosmico del Creato. Tutto funziona ad un doppio livello e a due velocità. Spinte e controspinte tra Ordine e Kaos. Il meccanismo agisce anche sulle nostre vite. C'è un tipo di karma, macrocosmico, sottile, misterioso, che dà forma alla vita di ciascuno di noi in modalità che spesso ci sfuggono. Poi c'è un altro tipo di karma, che leviga e sedimenta all'infinito le vicende di coloro che sono in cammino, che cercano la Verità, il senso di ogni cosa. Il karma del secondo tipo agisce sui dettagli, sui piccoli avvenimenti apparentemente secondari, ma che spingono verso la direzione necessaria. È l'angelo quotidiano che si manifesta attraverso un incontro estemporaneo, un incidente di percorso, una tentazione mai superata completamente, una gioia inaspettata. Scandurra la chiamava, usando un lessico colto: 'na botta di culo.
Mi diceva che “è vero che Dio abita dentro di noi, ma l'impiastro del nostro 'io' e della nostra limitante capoccia lo copre e allora c'è bisogno di uno scossone, 'na botta di culo che incasina tutto e ci svuota e svuotandoci apre alla luce divina. Solo così possiamo seguire la via giusta. I segni stanno lì, belli visibili. E non possiamo più sbagliarci. Ammireremo cos'è veramente il cosmo che attraverso il suo simbolo, la Natura, manifesta l'alchimia trasformante, la Creazione che non si esaurisce mai. Prenderemo così, al volo, i movimenti della Vita che ci conducono dove possiamo svelarci sempre di più ”.

La 'botta di culo', però, non è mai casuale. Non appena comincio a lavorare su qualcosa di più grande di me stesso le cose cominciano ad accadere. Non basta ancora. Ogni santo giorno devo mantenere il mio centro eterno, che risiede dentro di me, in un punto meraviglioso dove la fisica confina con la metafisica. Ecco, se mi appoggio lì, nulla potrà distrarmi od ostacolarmi, poiché mi sintonizzo alla frequenza della Creazione, a quella possibilità immane di amare, cioè di unire me col tutto. Quell'amore che vive nell'uomo ed emana da lui. Allora la Natura, col suo potere alchemico, mi trasformerà in un processo inarrestabile.
Scandurra ci spiegava il concetto-chiave delle materie oscure: i Nove Mondi e le sostanze che li compongono, incamerano potenze e caratteri spirituali ordinati in gerarchie. Il saltafossi non solo manipola questi poteri da fuori, ma li raggiunge intimamente, scopre la loro identità/fratellanza con i valori umani, si assimila alle forze interdimensionali e stabilisce con esse un rapporto. Lo scopo del mago non è quello di trasformare piombo in oro per fini utilitari, ma di giungere a capire il grande processo dinamico degli universi interagenti, ai quali si accompagna il destino delle civiltà stellari e di impadronirsi dei principi fondamentali dell'essere e di pervenire ad una sorta di umanità cosmica sapiente. La schiatta spirituale di cui faceva parte Scandurra, si era assunta un compito immane, pazzesco per certi versi, ma esaltante e luminoso. Gli Uranidi, le antichissime civiltà dei Nove Mondi sagge e potenti, avevano iniziato tale impresa, certo, ma con curiosa riluttanza. Si deve alle genti di Atlantide la nuova spinta, decisiva e progressiva, per compiere l'Opera fin dal penultimo ciclo.

Svuotarsi, rinunciare all'illusione dell'io è doloroso, ma necessario. Operare un cambiamento, rischiare l'equilibrio psicofisico – è solo un rischio calcolato se incontriamo un vero maestro che ci guida - è la condizione per affrontare la verità su se stessi. Dalla purificazione nasce la percezione reale. Distruzione e rigenerazione rappresentano i fondamentali delle grandi religioni tradizionali, nel microcosmo come nel macrocosmo. Per il Kali Yuga vedico e l'Apocalisse cristiana, tumulto, annichilimento e sofferenza sono preludio a un nuovo ordine di pace e di armonia. Morte e rinascita. Dall'oscurità scaturirà la luce. Manipola la materia colpendola ripetutamente nel mortaio, sottomettila ad un regime di cottura fino alla fusione: comparirà una stella. Dall'oscurità la luce.

Un pomeriggio dell'anno 1971, mi trovavo a bottega, ero come sopraffatto da preoccupazioni più grandi di quanto potessi in effetti sopportare. Un subbuglio mentale così forte mi procurava mal di pancia terribili. Stavo per collassare. Scandurra era impegnato a leggere i tracciati del kaos ad una coppia di sposini. Si accorse finalmente del mio stato penoso – mi piegavo in due dalla sofferenza - e così mi accompagnò nel retrobottega. Mi sedetti e lui mi toccò all'altezza dello sterno. Vomitai pure i broccoli di Natale, come suol dirsi e, come se non bastasse, defecai in abbondanza. Mi sporcai camicia e calzoni. Una situazione imbarazzante, davvero. Ero in una pozza di sostanze semiliquide verdi e rosse, ma mi sentii libero. “Dovevo decomprimerti. Ora pulisci per terra e cambiati i vestiti. Puzzi che 'accoleri'... eh, non ci sono più gli allievi di una volta”. Mi trovavo in una di quelle fasi dell'opera al Nero, tremendissime. Incubi notturni. Nausee. Emicranie. Questo durava da alcune settimane. Un passo lungo il cammino, uno dei tanti. Svuotarsi, era la parola d'ordine. Si incominciava dal corpo e si scopriva che esso accumulava più del fabbisogno, sia in termini fisici che psichici. In quel periodo pesavo 60kg ed ero a dieta controllata, eppure quando mi svuotavo, grazie al tocco scandurriano, buttavo fuori tanto di quel composto psicofluido che rimaneva difficile credere che provenisse soltanto dal mio stomaco. Il maestro diceva: “Una malattia è una crisi salutare ad un certo punto del cammino”. Anzi, la si doveva a volte creare per costringerci a prendere atto della realtà su noi stessi. La crisi ha valore catartico se ben guidata, in quanto scombina le strutture mentali che ci imprigionano. La sofferenza mi portava ad aprirmi una strada in mezzo al bosco intrigato dell'esistenza. Oltre le correnti samsariche.

Oggi, maggio 2012, a che punto siamo? Madreterra è pronta a sortir fuori dall'ultimo ciclo. Sommovimenti ad ampio spettro sono in procinto di emergere dal pozzo senza fondo, fucina degli universi. E noi? Io e il mio corpo siamo transitori, solo l'interno è permanente. Quindi assisteremo a forti cambiamenti a livello identitario e somatico. Il tutto si trasformerà in una frequenza veloce di proiezione. Scusate, ma queste son formulette, lo so. Scandurra preferiva l'esperienza alla dottrina. Brucia taglia e sfrega: ci mostrava/dimostrava. Le parole sono approssimative, solo un poeta, un musicista, un pittore potrebbero illustrare la fine e il nuovo inizio dell'universo... e Scandurra, ovviamente, come ci fece vedere un giorno, da una radura della Selva Cimina.

29 commenti:

  1. già, con un maestro tutto è possibile; senza, invece, si sprofonda in un abisso dove lo sconforto per l'incapacità di avanzare è il minimo e piu' leggero stato d'animo negativo in agguato.
    tiro le somme oggi dei 38 anni che vado a compiere, giorno infame il compleanno, sei costretto a guardarti indietro e quello che vedo non mi aggrada per nulla. Crudo pensare che l'evoluzione sia soggetta alla "botta di culo" di trovare un maestro, duro ammettere che coi propri piedi non si riesca ad avanzare di un passo senza illuminazione estatica che, a quanto pare, colpisce con pura casualità ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero...
      Ho cominciato perciò con l'essere maestro di me stesso, specchiandomi negli altri, prendendo ciò che di buono risuona in me e lasciando andare il contrario. Questo per tempo e capacità è il mio massimo... la mia maglietta è sudata... a me tanto basta.

      Grazie Angelo...

      Elimina
    2. dimenticavo... Tantissimi Auguri

      Elimina
  2. Buongiorno ACM,
    ho letto il tuo commento sul blog, e mi si è stretto il cuore a sentire dentro tanto dispiacere… Lo sconforto che provi è lo stesso che, a periodi più o meno alterni abbiamo provato tutti noi, ma credimi l’unico maestro che abbiamo è quello che regna dentro di noi e aspetta solo di essere richiamato in Vita…. E per quel poco che ne so, è già bello vivo e vegeto, e ci parla in continuazione, e ci indica la Via… ACM la Via noi la stiamo percorrendo già da un bel po’, e proprio tu che ti guardi indietro, e l’abbiamo fatto tutti, guarda anche i passi che hai fatto nel frattempo… Oggi non sei lo stesso di ieri, o di tre anni fa… Il nostro desiderio è quello che la nostra Vita fosse costellata da fuochi e scintille, botti d’artificio, vorremmo vivere vite fantastiche e piene di effetti speciali, ma credimi le viviamo già, solo che non ce ne rendiamo conto presi dagli impegni materiali a cui dobbiamo sottostare, almeno all’apparenza. Ma dentro viviamo già queste vite, e te ne accorgi quando un amico ti dice “grazie per quello che fai, grazie per quello che sei” e tu pensi di non aver fatto assolutamente nulla al di là di quello che sei realmente. Sei un essere speciale ACM, lasciatelo dire, un degno compagno di avventura, non lasciare che lo sconforto ti affligga, e… nessuna botta di culo… il fatto di esserci ritrovati lo è già… il caso non esiste e lo sai anche tu, la sincronia perfetta che ci lega ha fatto si che anche i nostri pensieri convergessero su di un punto, il quale è solo di passaggio… Infatti, passa avanti, questo è solo uno snodo obbligato, il resto… è meglio. Buon compleanno amico mio….
    Con sincero affetto
    Stella

    RispondiElimina
  3. A volte capita che l'anima sembri ristagnare. No, vegliamo, perché l'Ombra ha tessuto la sua trama ipnotizzante e vuole farci credere che nulla muta e tutto avviene secondo i capricci del caso.
    Il caso non esite. Gli impulsi autodistruttivi dell'età giovanile son passati; i post che redigo rappresentano una chiara lettura a ritroso del cammino, dei fatti. Una sorta di decantazione del nostro vissuto, che poi riprende velocità e vigore. Imparate con i vostri tempi ad uscire dal blocco che è sempre controiniziatico. Rompere il nesso causale della rigidità. Non abbiate timore, avanzate finché il dono, secondo Fulcanelli, o la 'botta di culo', secondo Scandurra, giunge come una scoppiettata, e allora dobbiamo farci trovare pronti.
    Il maestro è già pronto ad accogliere i nuovi arrivati. Egli è ospite generoso.

    RispondiElimina
  4. a volte capita che lo sconforto abbia la meglio, ma, con un po' di pazienza, e le parole di buoni amici e compagni di vita si supera tutto... ogni tanto non fa neanche male guardarsi indietro, ma non ascoltare, semplicemente guardare... molto spesso, chi ci parla e critica non siamo noi, ma qualcosa di tremendamente negativo, in agguato, sempre all'erta e pronto ad afferrare la preda e sprofondarla nella propria tana fatta di negatività, odio, insofferenza, dolore, veleno.
    Mi rimetto in pista, e ringrazio Angelo per non mollare mai, nonostante, sono sicuro, abbia avuto sulla propria pelle esperienze ben più forti, cruente, e devastanti di quanto non ammetta... grazie anche a Stella e Max68.

    RispondiElimina
  5. Vedi, Alpha, alla fine, se il magico Loto non fiorisce dalla superfice delle Acque, tutto è stato inutile; e nessuno può dare ad un altro, per quanto amico, ''un'essenza''; tu sei ''lei'', in un certo senso, ma se non nasce come il magico Loto, non vi incontrerete mai. Diversamente, sarebbe, il tutto, una storia a lieto fine, ed i morti e dispersi, solo comparse.

    RispondiElimina
  6. vi invito a leggere questo interessante articolo http://www.crom.be/documents/canalizzatori-giu-la-maschera.
    Quanto vi si dice è per certi versi assai in accordo con quanto va sostenendo da tempo Angelo.

    RispondiElimina
  7. Ho letto. Mi fa venire in mente la M.me Blavatsky, che scrisse ''l'Iside svelata'' sotto l'influsso dei cosiddetti maestri della ''Loggia Bianca''...

    RispondiElimina
  8. Davvero interessante... mi chiedo perché questo mistificare, manipolare, ecc. ecc... e' il percorso obbligato di un gioco nel quale l'eterna lotta tra bene e male compie un dovere? Perché sembra davvero una corsa ad ostacoli, stile giochi senza frontiere, dove tra secchiate d'acqua, pale girevoli e ponti tibetani, il minimo ed il meglio che può capitarci e' cadere al primo passo. Insomma come dice A.C.M. senza una botta di c... come può il nostro passo procedere diversamente da quello dei gamberi?

    RispondiElimina
  9. E' mia convinzione che il loro modus sia da sempre la perversione della realtà/verità, tramite i modi apparentemente più disparati ma che ad un minimo di attenta osservazione rivelano palesemente sempre lo stesso nauseabondo principio ripetuto all'infinito. A un certo punto occorre fermare il mondo per capire cosa sia "Reale" e chi o cosa invece occupa il trono da impostore. E' la mia opinione, l'opinione di un Nessuno qualunque in viaggio come tanti nella sua personale odissea, agoniando un presto ritorno ad itaca.
    Credo che l'epoca dei Maestri sia passata, viviamo in un tempo di mezzo, in attesa del Nuovo che verrà e verso cui dovremmo stendere un ponte, come più volte ci ha anche suggerito angelo.
    La botta di culo non capita ad minchiam... ci va fede. a me è sempre capitato così. soprattutto quando tutto si fa grigio e nuvolo, tocca avere fede che un nuovo sole tornerà a splendere

    RispondiElimina
  10. speriamo in questa botta di culo...quindi se la fortuna aiuta gli audaci dovremmo osare!

    RispondiElimina
  11. Grazie Angelo...ed un in bocca al lupo a tutti, vi auguro di trovare la forza di andare sempre avanti, spesso non ci si rende nemmeno conto di quanti passi si fanno giorno dopo giorno. Vale la pena di dare fiducia alla vita, se mi guardo indietro anche le crisi passate hanno avuto una loro fondamentale utilità per cambiare qualcosa in me e permettermi di andare avanti...non è semplice però ne vale la pena :) andiamo sempre avanti, dandoci da fare giorno per giorno consapevoli che in ogni caso tutto andrà esattamente come deve andare...la vita sa sempre come sorprendere :)

    RispondiElimina
  12. volendola vedere in un certo modo, già il trovarci qui sulla Terra proprio in sto periodo cruciale, direi che è una gran bella botta di culo....
    un sorriso a tutti

    RispondiElimina
  13. Diventa sempre più difficile commentare, per me, i tuoi scritti, Angelo.
    Al momento mi sento solo di dirti Grazie.
    Sottoscrivo tutto quello che gli amici han scritto fin qui e voglio porti due domande, se posso:

    Forse l'avran già chiesto, ma le stelle della foto del blog sono le Pleiadi?
    E poi, cosa vi ha fatto vedere Scandurra dalla Selva Cimina?
    O meglio, cosa avete visto?
    Ancora grazie.

    RispondiElimina
  14. Oltre questo blog ed il forum di AG, non leggo nient'altro inerente certe "materie".
    Ho trovato interessante, tuttavia, questo scritto.
    http://www.giulianaconforto.it/?p=930

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che forum é? io sono sul forum xmx. anch'io trovo interessanti le teorie di g. conforto.

      Elimina
    2. E' il forum di AltroGiornale, grazie al quale ho conosciuto il blog di Angelo.

      http://www.altrogiornale.org/news.php

      Elimina
  15. ciao a tutti.commento per la prima volta anche se vi seguo da tanto e siete tutti straordinari compagni in questo travagliato "viaggio" che stiamo affrontando e insieme a voi,devo dire,è un pò più facile giorno per giorno.Volevo portare alla vs. attenzione i libri di un'ex prete gesuita,tale Salvador Freixedo,il quale sta cercando di risvegliare l'umanità sul conto delle varie entità ET che si sono spacciate per i ns.dèi e ci hanno così resi loro ignari schiavi.Un titolo:"Difendiamoci dagli dèi".Lo consiglio ma volevo anche un parere da Angelo.Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Stefania,
      lessi anni fa alcuni libri di Freixedo e devo dirti che li trovai interessanti, sebbene confusi sulle date e sull'interpretazione di alcuni fatti. Le tesi che espone sono forti, ma c'ha troppo il dente avvelenato contro Santa Romana Chiesa - provenendo da lì - da rendere le sue teorie controverse. È la sindrome dell'amante tradito: dove sta la lucidità d'analisi e dove la rabbia?

      Elimina
  16. Ti ringrazio,Angelo,per la tua pronta risposta,le tue opinioni sono
    un prezioso aiuto per me nel discernere fra ciò che è verità e ciò
    che è,invece,disinformazione ed inganno.Sono rimasta scioccata dalle
    informazioni che ho trovato sul sito crom.be,un oceano di notizie
    inquietanti soprattutto riguardo al ruolo del
    Dalai Lama e delle entità che lo"governano".Se fosse tutto vero allora
    la realtà sarebbe peggiore di quel che potremmo pensare.Osho consiglia
    di non farsi coinvolgere nelle umane vicende ma di essere solo un
    silenzioso testimone,consiglio che,mi auguro,saremo in tanti a
    seguire se vogliamo uscirne vincitori. Cercando di non
    perdere la speranza ,attendo con impazienza la seconda parte del tuo
    "Speciale sugli Angeli"...Grazie ancora.

    RispondiElimina
  17. salve ancora, mi scuso ancora se la importuno, ho veramente bisogno di qualcuno che mi aiuti ad iniziare il mio cammino, la prego non so da dove iniziare, e so di essere un ignorante in materia, molto probabilmente è un uomo impegnato, la prego però di rispondermi, anche solo per dirmi di non importunarla più, anche se spero che mi possa fare da insegnante nella luce.

    grazie e scusi ancora

    la mia email è simonettto3@gmail.com, mi scusi se sono così pressante

    RispondiElimina
  18. Ciao a tutti, vorrei scrivere 2 righe riferite al prof. Corrado Malanga , in questi giorni ho letto il pensiero di un tizio che lo definisce praticamente falso, pazzo, incapace, uomo che fa loschi sotterfugi, che rovina le persone volontariamente.Il mio pensiero è che Malanaga è un uomo onesto, poteva tranquillamente fare soldoni, tanti, ma si è sempre comportato da uomo vero, onesto, mettendo gratuitamente per tutti le sue ricerche a cui tutti si sono ispirati, rubandone le intuizioni, proprio per chi ne parla male è stato un punto di riferimento, nascosti come ladri, hanno sempre letto il suo blog.
    Ricordo una sera, nel pavese ad una conferenza c'era il tizio che ha scritto male, amico per la pelle di un conferenziere che teneva appunto la conferenza (purtroppo questo secondo personaggio è morto giovane ), erano amici , amicissimi... dovevate esserci, il conferenzieri davanti a me si è fatto 5 cocktayl , ovviamente alcolici, poi sparlava, la lingua impastata, c'erano presneti persone "di spicco" ,laureate , che parlano sempre male di Malanga e se ne stavano con sto qui' ciucco , ma che gli andava bene...., bene questo è il livello degli accusatori.
    Ho un grande dispiacere, perchè se il Malanga avesse fatto errori, li ha fatti in buona fede, ma quanti per trovare un giusto farmaco ecc hanno fatto errori? Poteva tirarsela, pubblicare libri, essere un personaggio ben pagato ufficialmente e non, invece nulla, evita tutto, ma se non è un uomo onesto questo!!!, poi chi non fa errori, se li ha fatti, ma sti geni del nulla che cosa ci hanno mai dato, non so come la pensate voi ma per me ci sono poche persone a cui ci si puo' riferire, il Ciccarella che è un uomo straordinario,il prof. Malanga eper onesta la Pallotta , peccato che quando scrissi a Malanga non mi ascoltò, caro prof Lei con sto caratteraccio sanguigno...non ha accettato il confronto intimo, riservato, secondo me per info che le hanno dato, sbagliatissime,caro profosserore, so che non sta bene, ma la prego si fermi a riflettere su questo prossimo pensiero: il vero amico è quello che ti vuole dire delle cose in modo leale, anche cose che può non condividere, ma che potrebbero essere motivo di riflessione o quello che ti lecca per poi girarti le spalle? ha perso un 'occasione importante, io la sento cosi', prof è difficile che sbaglio, mi dia fiducia , non è detta l'ultima parola.
    Ciao a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro b.uffo,
      ho criticato aspramente le idee, i metodi del dottor Malanga, tuttavia non mi sono mai permesso - non è nel mio stile - di attaccare la persona. Ho ragione di credere che Malanga sia persona fededegna e per bene, impegnata da anni a tentare di far luce su di una fenomenologia controversa, elusiva, imprendibile. Ho tentato di stabilire un contatto con lui a mezzo web, ma non ho ricevuto risposta. So che ha seri problemi di salute e mi dispiace.

      Il panorama della ricerca italiana in ambito ufologico è a dir poco allucinante. La svolta di questi anni verso derive neognostiche; l'uso dell'ipnosi su presunti rapiti; la cosmogonia di riferimento scaturita dalla messaggistica ipno/medianica; hanno contribuito a sviare la ricerca e la sua ragion d'essere.
      Temo che dietro tutto questo vi sia una regia manipolatrice, ma pochi se ne accorgono.

      Una linea di ricerca che in questi anni ho tentato di divulgare è nota. L'errore dottrinario dei nuovi ufologi concerne la commistione di livelli. Extraterrestre ultraterrestre mitico trascendente, son piani ben distinti, semmai ci fossero collegamenti, essi sono assai sottili. Uranidi e Saturniani, rappresentano una classificazione di massima di civiltà aliene contrapposto negli intenti. I grigi son automi senza anima d'origine saturniana. Mentre gli esseri delle leggende popolari come gnomi elfi coboldi, provengono da mondi sottili, tangenti al nostro in particolari condizioni s/t. La loro natura è eterea ideazionale termoplastica.

      Elimina
  19. ciao Angelo, concordo pienamente con te, sei sempre un vero signore dell'animo e nello stile, lelae sempre, senza mai lanciare il sasso e nascondere poi la mano.
    Nella mia vita ho avuto 5 persone che sono state per me un riferimento . mia moglie ,donna semplicissima, donna onesta e buona di natura , l'amico fulminato Guido, il prof. Malanga per il suo modo onesto e per il fatto che si è messo in gioco senza lucrare, poi tu, che mi tocchi l'animo ogn volta che parli di Scandurra con tanto rispetto, ah se il prof. potesse conoscerti...!!!!

    Ti informo che riguardo ai quei dipinti che ti ho inviato parecchio tempo fa , inizio a capire qualcosa in piu', ciao

    RispondiElimina
  20. Piccolo intervallo musicale nell'attesa della prossima puntata!
    http://www.youtube.com/watch?v=9AUEjzVQwKo

    Ciao

    RispondiElimina
  21. Sicuramente già avrete visto...

    http://youtu.be/sxNCBJjPxrM

    RispondiElimina
  22. Ciao a tutti. Non so quanti di voi credono alle sincronicità, ma a me sta succedendo una cosa alquanto
    strana...continuo ad "imbattermi" in notizie negative sul Dalai Lama e la storia, presunta vera, del Tibet
    e dei tibetani: il XIII Dalai Lama amico di Hitler e di Himmler che ha collaborato coi nazisti, il XIV
    Dalai Lama sul libro paga della CIA, torture e menomazioni fisiche al popolo tibetano da parte della casta
    sacerdotale e dai vari Lama che si sono succeduti nel tempo e molto altro ancora. Parlo di sincronicità
    perchè queste notizie mi arrivano in diversi modi senza che io vada a cercarle.
    Potrebbe il Dalai Lama essere uno dei "lupi travesti da agnelli" ? (in buona compagnia di Benedetto XVI,
    altra figura ambigua...).
    Chi avesse informazioni a riguardo, per confermare o smentire, potrebbe gentilmente segnalarmi dove
    trovarle ?? Grazie a tutti.

    RispondiElimina