Chi legge "esamini tutto, ma ritenga solo ciò che è giusto".

La mente non è un vessillo da riempire, ma un fuoco da accendere.

giovedì 1 luglio 2010

IUS 22


1.
Scrivo queste vicende senza intenti divulgativi, soltanto per registrarli con passione e amore di discepolo, mi si passi il termine. È la meraviglia che mi spinge a raccontare, anzi, è l'esperienza che vivo, la vita unica e speciale che mi si fa incontro, è il miracolo disceso dentro il mio cuore. Vivere e scrivere ciò che vedo sento gioisco; disseminare tracce di accadimenti incredibili, che pochi uomini hanno vissuto, è un dovere, o almeno lo sento come tale. Non so se mai qualcuno leggerà le mie Cronache; se Scandurra mi permetterà di rivelare i segreti che ci ha donato; e comunque, credo che sia giusto lasciare un'impronta di questo uomo straordinario, perché una nuova generazione migliore di quella nostra, possa un domani continuare l'opera sublime che un 'fruttarolo' proveniente da Atlantide ci ha lasciato. Se le Cronache un giorno dovessero venire alla luce in un libro, non mi illudo che vengano accolte per quello che sono, cronache appunto. È fin troppo facile immaginare le ironie, le spallucce, gli sfottò di tutti gli scettici del mondo. Scandurra si nascondeva non per vergogna o timore, ma per non dare adito agli intellettuali con le loro obiezioni di confondere i semplici. Piuttosto operava in silenzio. Pertanto, se mi mettessi a spingere in qualche modo, onde ottenere la possibilità di una pubblicazione, non potrei evitare situazioni generanti dubbi, opposizioni. Allora trascrivo le Cronache per me, ma sotto sotto anche per ipotetici lettori, magari riservati, intelligenti, aperti di mente ma non creduloni. Esistono?

2.
A volte a bottega, mi portavo il taccuino dove appuntavo i fatti salienti delle giornate passate insieme al maestro; lui con gli occhietti furbi cercava di sbirciare cosa scrivevo e ridacchiava:
“Oggi non concedo interviste, aspetto il contadino che mi porta certi cavoli...”.
Quando ero corrucciato per qualche problema ordinario, lui schioccava le dita e mi rassicurava:
“Andrà bene, il karma si riassorbe”.
E dopo un po' quel peso allo stomaco che avevo, scompariva. Magia? Suggestione? No, il maestro assorbiva su di sé l'onda emotiva. Si metteva sulle spalle quelle mie piccole croci. Lo faceva con tutte le persone che ricorrevano a lui: uscendo dalla sua bottega erano più sollevate e piene di speranza. A suo modo, era un santo, senza altare e senza chiesa, certo, ma come si dice a Viterbo, c'aveva un core così.
Mi accorgevo di certi suoi momenti difficili, che solitamente mascherava assai bene. Tentavo di stargli vicino, senza mostrare particolare premura. Allora si rideva su cose futili, curiose. Per lui l'amicizia era una cosa sacra, proprio per questo aveva pochi veri amici e tanti furbi approfittatori, ma non si crucciava. Quello che contava per lui nei rapporti, era quanti etti di cuore ci si metteva sopra, senza interessi né senso del possesso. Pochi erano disposti ad aprirsi, a concedere un pezzetto d'anima agli altri. Tutti accartocciati e chiusi nel proprio bozzolo egoico, impauriti a mettersi in gioco, a rischiare per qualcosa di importante, di esemplare. Con Scandurra tutta la vita.

3.
Quando sentivo in tv attacchi e accuse nei confronti di guaritori e sensitivi, tutti, indistintamente, considerati cialtroni e perniciosi, avevo un moto di rabbia che a stento controllavo. Scandurra era la prova vivente di un uomo dai poteri e conoscenze fuori dall'ordinario, che aiutava il prossimo gratuitamente e senza dare a vedere i sacrifici che gli costavano; e poi, qualche giornalista o scienziato, per motivi non sempre elevati, sparava a zero su quel mondo dell'occulto, dove c'erano senza dubbio imbroglioni, come in ogni settore del resto, ma pure operavano personalità eccezionali, che donavano la loro vita agli altri. La stessa grassa Chiesa cattolica, puntava il suo dito inanellato d'oro e rubino, contro medium e paragnosti, maghi ed esoteristi, bollandoli di eresia, accusandoli di propagandare la superstizione, di commerciare col demonio. Si respirava negli anni settanta una non dichiarata pubblicamente caccia alle streghe, ingiusta perché generalista, sospetta perché nascondeva timori innominabili. Scandurra mi rassicurava a modo suo:
“Tanto verranno prima o poi tutti a bottega”.
Per certi versi era profetico. Ho visto passare dal mio maestro, tanta di quella gente, di ogni ceto e fede, preti intellettuali funzionari medici, oltre a tante persone bisognose con la speranza di veder risolti i loro guai. Col tempo, mi rassegnai; gli scettici a prescindere, gli invidiosi, i superbi, erano una categoria dell'umanità che ci avrebbe accompagnati fino alla fine, fino a quando avrebbero visto con i loro occhi, la verità. Forse.

4.
Scandurra a volte si soffermava su quello che sarebbe dovuto avvenire di lì a poco – correvano gli anni Settanta - ovvero sulla fine della Terra accompagnata al risveglio delle materie oscure, anzi, proprio il ribaltamento dello stilema scienza/magia. Le sue riflessioni sembravano più pensieri a voce alta, non erano informazioni, descriveva ciò che vedeva, il tutto trattato in modo crepuscolare. La sua visione che il futuro e gli altri mondi non saranno semplici estensioni di ciò che è adesso, bensì dimensioni completamente aliene, ci lasciava atterriti. Intravedeva un varco di proporzioni cosmiche intorno all'anno 2012 e che avrebbe interessato tutta la Via Lattea. Noi gli chiedevamo perché proprio quella data [non sapevamo nulla di profezie Maya]; lui, ci sussurrava:
“Siamo in riserva e l'indicatore segna già il termine”.
[E pensare che ci sembrava così lontano il 2012, un altro millennio. Non ci riguardava. Ora ho 52anni e sento su ogni cellula del mio corpo, l'approssimarsi di tale scadenza.]

VERSO LO SCALO INTERDIMENSIONALE
Quella sfera multicolore di energia cangiante, radiale, fenomeno fluttuante, mi assorbì. Sì, è il verbo giusto. Avevo la lucida sensazione di fondermi con essa. E così decollai, sì, decollai e allargai le braccia a mo' d'aeroplano per bilanciarmi, istintivamente; passavano i secondi, ma sembravano più corti, mi avvicinavo fin quasi a toccarla. La sfera di plasma luminescente stava sospesa dinanzi a me, i suoi colori mutavano velocemente, in mille sfumature, alcune non riuscivo nemmeno a percepirle, per me erano letteralmente ignote. Volavo, la mia stessa intenzione dava la direzione al movimento. Il pensiero vivente mi guidava senza incontrare ostacoli. Sentivo di poter fare qualsiasi cosa. Quindi vi entrai e un suono profondo, un basso abissale mi investì. Ero fatto di suono luce energia movimento gioia vibrazione espansione leggerezza. Cosa succedeva? Tempo spazio e conoscenza, lasciavano il posto ad uno stato dell'essere nuovo, intermedio, quando la scena mutò e mi trovai davanti ad una ruota gigantesca color testa di moro, anch'essa sospesa ma sopra un territorio collinare bluverde, inframezzato di laghi dalle acque rosse. Assomigliava ad una ruota di carro, semplice, robusta. Le orbitano intorno. Il suo diametro era quello di un campo da calcio. Non produceva suoni e girava su se stessa in senso orario, una immane lancetta dei minuti. Poi cambiò ancora, come in dissolvenza: da una rudimentale ruota agricola ad una specie di orologio da campanile marziano, composto da decine di ingranaggi sovrapposti che giravano nei due sensi. Anziché i numeri, vi erano miriadi di simboli non riconoscibili, immagini in movimento di paesaggi alieni (ma potevano pure essere terrestri) e forme statiche.Un simbolo del Tempo? Oppure era il dio del Tempo? Ma io cosa ci facevo lì? Chi avrei dovuto incontrare?
La sensazione di me stesso permaneva e cioè vivevo uno stato onnidirezionale, globale, circolare, interno/esterno. Questo mi permetteva, evidentemente, di poter accedere ad informazioni che andavano ben oltre le capacità sensoriali e cognitive ordinarie. Ad un certo momento, un flash e sapevo o ricordavo. Giravo intorno ad un meccanismo che regolava la meccanica celeste dello scalo interdimensionale. Detta così, sembrerebbe cosa astrusa, letteraria, fantascientifica. In realtà, era la sala comandi che muoveva e dirigeva l'entrata e l'uscita verso un altro universo. Chi erano gli ingegneri cosmici che avevano realizzato quest'opera colossale di scali dimensionali? Quale civiltà così grandiosa, evoluta, era stata capace di collegare tra loro gli universi? Caspita, vivevo un'esperienza impossibile soltanto a formularla, unica forse al mondo; ma poi ripensavo a Scandurra, umile fruttarolo di Viterbo e allora rivedevo il tutto con un altro spirito, quello di servizio. Non stavo facendo un trip psichedelico per godere di chissà quali effetti coscienziali; ero lì per un compito ben preciso. Dovevo recarmi in quella cittadella fantastica, poggiata sul picco della montagna azzurra. Avevo un appuntamento, certo. Con chi? Non lo sapevo ancora, ma lui mi avrebbe riconosciuto.

31 commenti:

  1. Ottimo Angelo andiamo avanti ....

    RispondiElimina
  2. Angelo..dirti che ci sono forse non ti basta... il mio cuore e' con te.. Chiara M.A.

    RispondiElimina
  3. Ciao a tutti. Una domanda per Angelo:" Com' era la voce di Scandurra?" grazie, ciao a tutti

    RispondiElimina
  4. Ciao Angelo continuo a seguirti anch'io con interesse...
    mi vengono spontanee alcune domande...se provassimo a spostare l'attenzione un po' più in là, ormai stiamo delineando tutti in un modo o nell'altro lo "snodo 2012",come potremmo figurarci i 20anni circa successivi?

    RispondiElimina
  5. Angelo vorrei farti una domanda, visto che in genere sono molto interessato alla "vita oltre la morte fisica", argomento su cui avrei, in realtà, 1.000 domande da fare.
    Da quello che ho capito Scandurra non è più tra noi, però al punto 1 tu scrivi "se Scandurra mi permetterà di rivelare i segreti che ci ha donato".
    Do per scontato che questa frase tu l'abbia scritta l'altro giorno e che non sia un appunto preso a suo tempo, giusto?
    Ma allora che significa, che sei ancora in "contatto" con lui e/o che hai sempre la possibilità di farlo?
    E se si, solo perchè Scandurra era (è) questa persona straordinaria o è possibile farlo con chiunque?
    In genere, avendo trovato in Rol una figura a cui do tantissimo credito (non so perchè ma è così) mi sono rimaste impresse le sue parole (ascoltate fra le poche registrazioni sonore a disposizione) riguardo il fatto che "non si muoia".
    Insomma, per non farti perdere altro tempo, ho frainteso quel che hai scritto al punto 1?
    Grazie.

    RispondiElimina
  6. @Giusparsifal
    Scandurra ha cambiato residenza. Sì, letteralmente. Soltanto non ha registrato agli uffici competenti il cambio. Anche perché chi lo avrebbe creduto? Dove risiede, adottano normative meno invasive della libertà personale.
    Circa il destino dell'anima umana? Non finisce qui.

    RispondiElimina
  7. speriamo che anche per noi diminuiscano in modo drastico le normative... è da quando sono nato che mi sento stringere il collo...=)

    RispondiElimina
  8. Mi sembra che l'ultimo post risponda in parte alle domande che mi erano sorte dalla lettura del precedente.

    >ho avuto contatti con diverse persone ben intenzionate a percorrere la via. La maggior parte, però, era interessata alla potenza che ne derivava.

    Non stento a crederlo.

    >Viaggiatori interdimensionali? Se pure fosse, quanti sarebbero disposti a dedicare la propria vita a tale compito?

    Molto pochi, certamente.

    >E bada, non sono passeggiate...

    Non ho mai pensato che lo siano, davvero. Non ne ho un'idea "fumettistica".

    >Quanti sarebbero disposti a rinunciare a tutto per cambiare se stessi e riconnettersi alla Creazione, per ristabilire l'equilibrio delle forze?

    Cambiare sé stessi e riconnettersi alla Creazione; è proprio l'idea che ne avevo. Sgretolare l'ego-avversario per ritrovare il proprio vero Io, connesso all'Origine. Lo si può esprimere in tanti modi, ma questa è l'essenza di ciò che conta. Per me è una conferma importante.

    >L'uomo universale è colui che si fa da tramite per portare Luce ove è Tenebra.

    Mi rendo conto che è proprio cosí, in qualche modo. Anche questa è una conferma importante di ciò che finora erano per me "solo" riflessioni intuitive.

    @Alpha Canis Majoris: ti ringrazio dell'offerta; se non ti scomoda troppo, volentieri, altrimenti non preoccuparti, posso salvarmeli comunque. In ogni caso, grazie.

    RispondiElimina
  9. Gente occhio al Golfo del Messico ... il petrolio esce a fiumi ed e' inarrestabile li fra qualche mese si sposteranno popolazioni di interi stati per il disastro ambientale incombente.

    RispondiElimina
  10. @Vin: sí, pare che vogliano evacuare 40 milioni di persone, e costringerle in campi di concentramento già approntati da tempo, del resto. Dovrebbe essere l'inizio del Nuovo Ordine,
    ma anche l'inizio della sua Fine. Considerando poi la diffusione delle armi da fuoco negli USA, e le tendenze nazi-anarcoidi di una certa parte della popolazione, non è difficile immaginare quali conseguenze potrebbe avere un provvedimento del genere. Ancora peggiori quelle dell'"incidente" e relativa perdita, dato che, in fondo, sulla Terra c'è un solo Oceano, anche se agli uomini piace "spezzettarlo" e chiamarlo con nomi diversi. In ogni caso sembra che l'entrata in circolo nella Corrente del Golfo sia ormai inevitabile. Credo che un passaggio nelle Tenebre ci toccherà.

    RispondiElimina
  11. Ciao Angelo, avrei bisogno di sapere com' èra la voce di Scandurra, nel senso del timbro, il tono,così via..Grazie ciao a tutti

    RispondiElimina
  12. Il termine morire nn significa nulla. Se intendete che per morire vi è la fine dei fluidi vitali all' interno di un corpo "fisico", pelle muscoli ecc allora si. Ma l' anima ritorna nella sua dormita riparatrice. Guarda quello che che ha sbagliato nella vita, e quello che ha rimediato dal karma precedente. Penso che si possa scegliere se andare sempre più vicino allla luce, nel senso di diventare sempre più puri. Un' anima può decidere di nn volersi rincarnare adesso, ma penso che essendoci leggi universali e che il destino dell' anima è di divenire sempre più leggera e pura, per avvicinarsi alla spirale di LUCE del signore, dovrà prima o poi ricristallizzarsi in un altra vita fisica, per riadempiere al karma. Anche per Scandurra penso che sia così. Aveva un compito sulla terra a quei tempi, forse più nobile delle nostre vite, anche se una vita, anche la più squallida nn è mai banale, da portare avanti, e l' ha fatto. O almeno mi pare di capire che ha aperto "il cantiere", e qualc sta continuando a portarlo avanti. Il fatto che anche Lui avesse momenti difficili che nascondeva implica che tutti siamo qui per qualcosa, è la crescita nostra, interiore, vibrare sempre di più, forse in questa maniera si riescono a toccare mondi alieni, piani esistenziali diversi, cambia la nostra percezione delle cose, i nostri sensi si amplificano tutti assieme nello stesso istante. Bisogna connettersi con quello che si vuole, come la porta all' inizio che bisognava aprire. Penso che sia così. Ciao a uttti

    RispondiElimina
  13. Un saluto ad Angelo e a tutti voi amici del blog. @ Angelo : carissimo e stimato Angelo ti seguo dall'agosto scorso (a seguito del tuo illuminante articolo su XTimes),se ricordi ti avevo inviato un email per avere delucidazioni in merito, ormai da anni ho imparato a riconoscere e dare ascolto alle sincronicita', ed una di queste mi ha portato dalle tue parti....sai, a proposito di onomanzia, di Ciapanna (grazie anche a Betty)e "co." ,anagrammando il mio nome e cognome completo (ho due nomi) , ho trovato diversi riferimenti alla salamadra in tono oppositivo, se hai qualche minuto da dedicarmi in seguito te ne sarei eternamente grato, so che hai delle risposte .
    A presto

    RispondiElimina
  14. Volevo anche in qualche maniera spendere 2 parole sul NWO. Ho letto di un haker, di cui ora mi sfugge il nome che dagli USA era scappato in Inghilterra per chiedere asilo politico poichè, appasionato di UFO, era riuscito a trovare dei file nascosti negli archivi del pentagono riguardanti una reale flotta interstellare costruita dall' esercito e operativa già da qualche tempo. All' inizio nn ci ho dato peso ma poi quest' oggi ho letto l' editoriale di Duncan M. Roads, direttore della rivista indipendente Nexus. Vi scrivo uno stralcio molto interessante e che fa' riflettere:"Condivido queste informazioni con voi ora,in quanto il genere umano si trova a un bivio dove la rivelazione del nostro rapporto con esserei non-terrestri e nn-umani,figurativamente parlando è"prprio dietro l'angolo...La terra ha un governo segreto. Nn chiedetemi chi ne fa parte;nn lo so. I suoi principali strumenti di controllo comprendono le religioni, la comunità dei servizi segreti, le banche centrali, i media e il complesso militare industriale. A partire circa dalla sec. guerra mondiale, è stato intrapreso un pèercorso scentifico e tecnologico parallelo, che ha determinato la creazione di sistemi antigravità e teletrasporto, cloni supe-umani,UNA FLOTTA DI NAVI SPAZIALI,basi esterne al pianeta ecc." Se poi colleghiami Malanga con il discorso che nelle basi sotterranee cercano di togliere l' anima agli addotti, e ci mettiamo il dottor Ciccarella che ha sempre parlato, da quando leggo i suoi articoli, di un vascello vicino agli anelli di Saturno, che poi nell' ultima puntata di Mistero, ne ahnno addirittura oarlato dicendo che un telescopio, penso del vaticano, posso dire anche una cacchiata, ha notato un ombra con tanto di foto vicino algi anelli, e che sarebbe lunga svariate centinaia di km, abbiamo il piano della situazione. E con questo ho finito, ciao a tutti

    RispondiElimina
  15. Amici non chiamatemi dottore. Non lo sono, aspiro ad altro. Sono per tutti Angelo. Il sangue nero della terra, fra non molto si mischierà a quello di tanti disgraziati come noi. I padroni del vapore attuali, saranno ricordati, se mai qualcuno avrà voglia di rammentarli, come è peggiori criminali della storia. Al confronto Stalin, Hitler, Mao, fanno la figura di macellai dilettanti. Già, perché oggi ci governa un pool di tagliagole della peggior risma; capaci di venderci a forze aliene per una ciotola di riso; capaci di ammorbare la nostra esistenza con la narcoipnosi. E tutto questo condito con la fesseria gaglioffa della democrazia. Siamo schiavi delle banche, vampiri senz'anima; schiavi del lavoro alienante; schiavi del regime sociale e culturale antispirituale. Svegliamoci una buona volta. Imparare è cambiare: con Scandurra ho imparato a vincere la gravità della materia e a strappare il velo di Maya. Farò di tutto per insegnarlo a voi tutti.

    RispondiElimina
  16. Domandona per Angelo :“Siamo in riserva e l'indicatore segna già il termine”.
    [E pensare che ci sembrava così lontano il 2012, un altro millennio. Non ci riguardava.

    Non ho capito ... quello che intendeva Scandurra; intendeva dire che arrivava un periodo tremendo o un periodo migliore... perché qui la transizione la vedo brutta ma il dopo non l'ho capito in sintesi dopo la botta del 2012 si stara' peggio di adesso (che per molti abitanti di questo pianeta e un inferno) o miglioreremo tutti ...???

    RispondiElimina
  17. Dopo aver seguito attentamente, fin dall'inizio, gli articoli di Angelo sulle sue esperienze con il Maestro Scandurra, intervengo per la prima volta.

    Una premessa, che costituisce un punto fermo, è necessaria: Angelo, per me, è un ricercatore serio e attendibile e il suo desiderio di trasmettere conoscenze basate sul suo vissuto è sincero.

    Detto questo, mi limito per ora, a porre domande che ritengo lecite e che, naturalmente, non pretendono risposte.

    Angelo, sei in possesso di prove documentali che attestano le tue esperienze?

    Nel tuo archivio, che sembrerebbe ricchissimo di appunti, ci sono anche foto, video, registrazioni audio?

    RispondiElimina
  18. @Vin
    Pazienta e avrai tu e gli altri le risposte in merito.
    @altair
    Prove documentali? Ho la spoletta per varcare le altre dimensioni. Tutto qui.

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Un buon numero di persone sparse sulla terra, racconta di incontri straordinari con esseri di altri mondi; alcuni racconti sembrano genuini, altri lasciano forti dubbi.

    Angelo, che idea ti sei fatto delle esperienze raccontate da Siragusa, Zanfretta, Rael, Maurizio Cavallo, solo per citare alcuni nomi?

    In particolare mi interesserebbe il tuo parere su Cavallo; le esperienze che racconta nel suo sito e nel suo libro - Oltre il cielo - appaiono davvero straordinarie.

    RispondiElimina
  21. @altair
    Caro altair, ho ragione di credere che Zanfretta sia sincero. Rael è invece un cialtrone, furbetto e mistificatore. Eugenio Siragusa? Non esprimo giudizi sulla sua persona. Sul messaggio, ebbene è in linea con lo spiritualismo contemporaneo, fatto di buoni propositi e attese messianiche. Maurizio Cavallo credo sia una persona degna e in buona fede.
    In generale, vi sono sensitivi sparsi nel mondo, che viaggiano nei modi a loro consoni su altri piani. Il criterio di valutazione su di loro è semplice: se ci fanno dei soldi su quanto affermano, sono sospetti.
    La bella americanina ramtha, è l'esempio di una imbrogliona che utilizza spezzoni di dati non del tutto erronei, per manipolarli e farci tanti bei soldini. Una bibitara a caccia di gonzi. In realtà, molte persone che seguono tali farabutti, sono fededegni e in cerca di assoluto, stanchi delle chiese. Ma bisogna trovare il pane buono, non la crosta, per sfamarsi.

    RispondiElimina
  22. Per quanto conti il mio parere, sono assolutamente d'accordo su quanto hai detto "se ci fanno dei soldi su quanto affermano, sono sospetti." e, se possibile, aggiungerei se fondano sette, se fanno proselitismo.
    Almeno questo è il mio criterio di valutazione, in generale.
    Mi piace anche questa tua affermazione, Angelo, "che viaggiano nei modi a loro consoni su altri piani." proprio perchè elimina l'assolutismo che su questo piano (quello che condividiamo tutti), a mio parere, non esiste.
    Permettetemi un saluto ad altair, se ho "conosciuto" Angelo è grazie a lui :)

    RispondiElimina
  23. @Giusparsifal
    Dici bene, Gius, strade assolute per la verità non esistono. Nessuno possiede il copyright per giungere a Dio. Le chiese possono guidare, ma non determinare il contatto col divino. Cristo parlava ovunque e con chiunque e indicava una via: il Regno di Dio è dentro di noi.

    RispondiElimina
  24. Angelo, non ho capito: Scandurra era un essere umano o un Alieno incarnato per aiutarci per il 2012 perché all'inizio avevo capito che era un normale essere umano ma adesso mi sorge un dubbio!!!
    Poi un'altra domandina: visto che sta arrivando il botto grosso e che quelli medi sono in corso vedi Irak, Afganistan, Sudan, Pakistan, Golfo del Messico ecc ecc ecc ma sti Alieni che son tra noi cosa stanno aspettando ??? per darci una mano??
    Ho visto qualche intervista di Maurizio Cavallo e mi sembra originale come signore ma molto superficiale nelle sue descrizioni...

    RispondiElimina
  25. @Vin
    Scandurra è un figlio di Atlantide, come tutte quelle donne e uomini dalle capacità sovrasensibili.Gli alieni? Attendono il via libera. Il patto che i saturniani - i cattivi - hanno stabilito con i Padroni del Mondo, pianifica a scadenza certi passi. Il signor Cavallo credo sia persona onorevole, non un mentitore; non ha una preparazione profonda su dottrine tradizionali, si sente, ma è comunque sincero. Sento questo.

    RispondiElimina
  26. Siamo in periodi preparatori, dove fra Skylark, Gruppi di potere al soldo di extraterrestri che aspettano solo il via libera per fare la loro scenata da bravi alieni che daranno tecnologie per "tirarci su il morale" e la fine che si avvicina di un tempo sempre di più.. che si può fare Angelo? Stare a guardare nn è cosa audace purtroppo. Forse un concetto di "wu wei" sarebbe migior cosa? Le materie oscure servono a questo? Come hai rsp una volta a Santa Asse in proposito:"Mettere un granello negli ingranaggi" di questi... dèi che stanno ritornando? Hai detto che Ixtlan è un nome fittizio identificativo di una città all' interno di una foresta, o bosco, ora nn ricordo, dove è abbarbicato il gruppo. Potresti dare quealche informazione in più? anche del tipo rebus..nn c' è problema. Un' ultima domanda: Su uno dei tuoi articoli su X-times, mi pare lo specchio di Alice, ma nn ne sono sicuro, hai formulato degli enigmi per trovare un sito dove questi "visionari di distruzione" parlano. Puoi dirci qualcosa in più? Mi bastano poche risposte, ripeto anche formulate ad enigma, ma bisogna prepararsi. Grzie per le tue rsp in anticipo..ciao a tutti

    RispondiElimina
  27. Ciao Gius,

    Angelo a me pare uno dei pochissimi esploratori dell'ignoto attendibili, fra quelli che circolano per il web e per questo l'ho segnalato.

    Ha molto da raccontare, come lui stesso ha già detto e questa cosa s'è capita fin dai primi articoli IUS.

    Ciò che abbiamo letto finora, a mio avviso, è un lungo excursus introduttivo, una sorta di antipasto; ci attendono cibi ben più sostanziosi.

    RispondiElimina
  28. pdf scaricabile qui http://www.scribd.com/Incontro-Con-Un-Uomo-Straordinario-22/d/34363407

    RispondiElimina