Chi legge "esamini tutto, ma ritenga solo ciò che è giusto".

La mente non è un vessillo da riempire, ma un fuoco da accendere.

mercoledì 28 luglio 2010

IUS 26




1.
Potenze primigene, prima razza madre, multidimensioni, esseri celesti, sono i punti chiave di Scandurra. Una posizione centrale dei suoi insegnamenti, imprescindibile, riguardava l'ascesi o la trasformazione alchemica, come la definiva lui. Tuffi e immersioni in succulenti fondali fenomenologici: ecco il programma da noi seguito. Diventare quello che siamo sempre stati: destare gli dèi in esilio. Come primo passo verso la Via, dovevamo imparare a consultare l'oracolo; ma non nel senso letterale e ordinario. Scrutare i segnacoli, le coincidenze, i nessi, che incontravamo ogni giorno. Tutto il cosmo ci parlava, di continuo, eppure non ce ne accorgevamo. Dovevamo affinare i sensi per poter ricevere l'energie del cosmo, ossia dei piani più sottili, sovrasensibili. Come? Attraverso un ricettore d'energia lunisolare che dovevamo costruirci secondo un disegnino, un ankh, la chiave della vita, che Scandurra con tratti infantili ci aveva messo a disposizione. L'obiettivo era quello di polarizzarci in fluidi cosmici e utilizzare l'antenna ricettrice per immagazzinarli nel nostro corpo. Chiedemmo al maestro che materiale usare per il ricettore. Ci rispose che avremmo trovato quello giusto per ognuno di noi. Parallelamente all'antenna ricevente, ci diede un altra consegna per la nostra asana. Seguire un regime alimentare duro, per almeno quaranta giorni, evitando alcolici, caffé, carne. Ci dovevamo cibare di frutta (ce la passava lui, di quella speciale), latte, verdure crude e acqua del sindaco, di quella corrente. Era necessario questo regime perché favoriva l'esteriorizzazione del doppio, il corpo eterico.
Trasmutare l'unità corpo-mente, per essere in grado di ricevere gli influssi cosmici; e per trasmutare l'unità corpo-mente, c'era bisogno di captare gli influssi cosmici. Chiaro, no?
Per entrare nelle botole e oltrepassare la linea spazio-tempo, avremmo dovuto fare qualche sacrificio. Estrarre la nostra essenza e trasformarla in quintessenza. Elementale, Watson...

2.
Chi ha studiato e praticato l'occultismo, è a conoscenza dei mezzi empirici utilizzati dagli stregoni per riuscire a realizzare la propria volontà. Il maleficio è il mezzo più noto da sempre. Stregare qualcuno vuol dire proiettarlo in un'immagine che lo rappresenta e, in virtù delle leggi magiche di analogia, colpirlo indirettamente nella persona con atti esercitati su quell'immagine, il volt, in francese arcaico. Nel volt l'operatore nasconde la sua volontà formulata. Secondo Scandurra la stregoneria è una sopravvivenza corrotta di una raffinata scienza della mente. L'azione stregonesca non fa che riprendere una prassi ascetica del pensiero condensato, dinamicizzato e poi proiettato.
Ovunque, a tutte le latitudini e in ogni epoca, gli uomini hanno costruito e poi eretto riproduzioni scolpite, talvolta gigantesche, di esseri o di simboli misteriosi. Che queste riproduzioni siano di pietra metallo legno, le immagini appartengono, nello stesso modo dell'arte piramidale, a una scienza universale applicata dagli uomini prima dell'ultimo diluvio. La loro destinazione originaria sfugge alla cultura moderna. Vi è un legame che collega tra di loro le statue gigantesche dell'isola di Pasqua, gli Atlanti del tempio di Tula eretti dai toltechi, i Totem dei nativi dell'America del Nord, gli Dèi dell'antico Messico, i monoliti eretti dai celti e dagli ebrei, il Bafometto dei templari, i colossi dell'Anatolia, le madonne nere adorate nelle cattedrali gotiche cristiane. Se cerchiamo il legame misterioso che tiene unite queste diverse opere, scopriremo che le civiltà scomparse conoscevano e padroneggiavano una forza della Natura, nascosta ma presente ovunque. Gli alchimisti medievali e rinascimentali poterono ancora utilizzarne la potenza; nel XX° secolo invece, i moderni apprendisti stregoni hanno ricercato il suo inverso, distruttivo e letale, spaccando atomi e manipolando cellule, alla conquista di quel potere che presumono sia nascosto dentro la materia. È la Luce Cosmica, energia di espansione e di separazione, libera dalla morte (la persona non muore), permettendo al Sole di rinascere. I maghi antidiluviani, guidavano il mondo; alcuni presiedono tuttora alla sua evoluzione; tutti hanno avuto ed hanno ancora a loro disposizione una forza della quale i profani non conoscono la chiave. Questa forza emana dall'uomo e circola liberamente nella Natura e mette la vita in movimento.

3.
La luce di Atlantide fu proiettata sulla terra nera bagnata dal grande fiume. La civiltà egiziana è la sola che abbia saputo costruire con la coscienza dell'eternità, della lotta contro il tempo. Queste costruzioni fanno parte degli accessori sconosciuti dell'antica sapienza atlantidea. I sacerdoti dei santuari di Heliopolis e di Menphi non ignoravano nessuno dei segreti della vita universale. Sapevano maneggiare la Luce Cosmica designata col vocabolo di Nahash nel Sepher Bereshit di Mosè. Tale potenza doveva rimanere nascosta, dimenticata, avvolta necessariamente nella leggenda: era più facile far credere che fossero solo fantasticherie di popoli primitivi e superstiziosi...
Questi segreti risiedono in qualcosa di semplice, come tutto ciò che è grande. La verità è nella semplicità. La dinamizzazione del pensiero vivente e la sua proiezione, modificano le correnti della Luce Cosmica modellandole. L'idea trasformata in materia, unita all'esatta conoscenza delle correnti telluriche, permette di ottenere risultati prodigiosi. Il Nahash, sottoposto al pensiero vivente, si condensa e si accumula. I sapienti egiziani accumulavano grani di energia, immagini dei loro desideri e della loro volontà, all'interno di monoliti incisi e scolpiti. Tutti quelli che ritroviamo oggi appartengono a quella scienza che fu maledetta dai mercanti di religione. Queste immagini svolgono ancor oggi, il ruolo che migliaia di anni fa assegnarono loro i sacerdoti che le eressero.

4.
L'arte gotica nasconde la chiave della quarta dimensione e i misteri di una scienza sacra che gli iniziati si sono trasmessi dall'origine del mondo ad oggi. Dalla grande piramide di Cheope alle cattedrali, esiste una stretta correlazione. Quella di Strasburgo è alta 124metri. Il metro è la decimilionesima parte del quarto del meridiano terrestre. Per la geometria di questa cattedrale è stata utilizzata un'altra unità di misura, anch'essa basata su una delle dimensioni del nostro pianeta, e che dà delle operazioni senza resto. L'unità in questione è stata impiegata nella costruzione di Cheope, del Partenone e di alcune cattedrali francesi. Quella di Strasburgo ha una torre unica al mondo: la sua altezza è uguale all'altezza della sua base in rapporto al livello del mare. Il suo orologio astronomico, secondo un computo ecclesiastico dà l'ordine dell'anno nel ciclo lunare, permettendo così di conoscere le date precise nelle quali cadranno le lune nuove dell'anno. Questo è il numero aureo ecclesiastico, da non confondere con il numero aureo degli antichi. Poco distante dalla cattedrale, si trova il museo dell'Opera di Notre-Dame con la sala dei Massoni. Il monumento fu terminato il 1439, e da quella data si insediò la Loggia Suprema dei Massoni del Sacro Impero Germanico, possessori del vero numero aureo, chiave dell'antica architettura e base dell'armonia e delle proporzioni. Si dice che i massoni di quella Loggia avrebbero posseduto il Graal, nascosto ai profani da una rampa a campo magnetico di trasferimento, l'interruttore è situato in un altra cattedrale, quella di Colonia. La geometria e il simbolismo del monumento alsaziano, ci conducono verso rapporti tra le sue dimensioni e quelle di Cheope. Un esempio su tutti, il suo rosone a sedici petali che ha per centro un pentagono. Questi elementi disseminati nella cattedrale, si spiegano con l'applicazione del numero aureo, cioè la sezione aurea che è la divisione di una lunghezza, tale che il rapporto tra il segmento A e il più piccolo segmento B sia uguale a quello tra la lunghezza totale A+B e il segmento A. Questo rapporto, il cui valore universale è di 1,618 (una cifra tanto importante quanto il fattore pi greco), non è solo primordiale per il suo aspetto matematico, ma anche per il suo aspetto geometrico, a causa delle triangolazioni che ne derivano. Questo fattore fu applicato da pittori eccelsi per tracciare i loro quadri su canovacci geometrici. È la chiave dei grandi maestri dell'architettura.
La cattedrale gotica è l'enorme reliquiario delle grandi tradizioni della geometria esoterica, che collega la dimora filosofale (così Fulcanelli) a un sapere nato all'alba del mondo e nascosto dopo l'ultimo cataclisma. In ogni cattedrale gotica c'è un punto dove è sufficiente appoggiare un dito per far sì che l'intera costruzione crolli. Non mi risultano crolli, quindi il segreto è ben custodito. E vi è pure un altro punto sul quale una semplice pressione dopo aver pronunciato una parola vibrata, provoca l'apertura verso un mondo parallelo. A tale proposito, mi risulta invece che centinaia di persone dal medioevo ad oggi, hanno tentato di trovare il punto di accesso. Qualcuna ci sarà riuscita? Il segreto dei Templari e dei mastri tagliatori di pietra, riguardava la conoscenza dell'esistenza di altre dimensioni e il modo per accedervi. Sappiamo come andò a finire.

5.
Quando si parla della forma di un oggetto noi pensiamo allo spazio che occupa, facendo astrazione dalla materia di cui è composta. Lo spazio non è definito unicamente dalla grandezza dell'oggetto, cioè le distanze che separano le sue diverse parti; si tiene anche conto delle relative direzioni e della curvatura delle superfici. Tre dimensioni determinano la forma dell'oggetto: lunghezza, larghezza, altezza. Il segreto della arte occulta consiste nel calcolare, per mezzo del numero aureo, la forma di un oggetto a tre dimensioni nel quadro dell'armonia universale. Lo spazio che occupa allora questo oggetto, e la sua forma particolare, aprono la porta che dà sulla quarta dimensione. Ne diventa lo strumento vettore che permette di entrarvi. L'esperienza, mostra che nel nostro spazio a tre dimensioni i volumi sono proporzionali ai cubi delle lunghezze. Partendo da questa constatazione possiamo capire che in certi casi la forma e il volume di un corpo, calcolati con l'aiuto della geometria e della matematica ermetiche, fanno di questo corpo un passaporto per un universo parallelo. Fondamentale, quindi, è la conoscenza dei rapporti esistenti tra il mondo degli effetti e quello delle cause.
Le stesse iniziazioni, alludevano alla possibilità di far percepire al neofita la dimensione che gli è nascosta dall'imperfezione dei suoi sensi e dalla sua sordità alle realtà superiori. I libri di Fulcanelli, uno dei pochi, genuini alchimisti del ventesimo secolo, sono manuali operativi che permetterebbero la trasmutazione animico-energetica del discepolo, e usufruendo dei punti di comunicazione tra due mondi – le cattedrali e le spolette - l'uomo nuovo potrebbe dispiegare le sue ali e viaggiare oltre il tempo e lo spazio. Pochi crederanno a quanto affermo, e sono quei pochi che hanno tentato l'impresa. Grazie a Scandurra e al duro lavoro, ho potuto sperimentare l'immersione in varchi interdimensionali, passando da un universo ad un altro.
Il passaggio si effettua grazie all'azione di un campo di energia sottile ma diffusa, Luce del Mondo secondo gli alchimisti, una spoletta, un comune oggetto (ve ne sono al mondo alcune migliaia) ma non per questo meno nobile, che è la chiave e l'innesto, che è un processo mentale.

Chi possedesse questo pericoloso segreto, potrebbe apparire senza lasciare tracce in luoghi lontani o dimensioni aliene, per poi scomparire all'istante.
Scandurra riteneva che i padroni del mondo impiegavano risorse e mezzi considerevoli per scoprire il segreto del trasferimento dimensionale. Alchimisti, ermetisti, sciamani e salta-fossi scandurriani, hanno trovato la chiave di accesso e se la sono tenuta ben stretta. Minacciati, imprigionati, torturati, piuttosto si son lasciati morire; qualcuno è riuscito ad adoperare quel potere per sgattaiolare via, dove nessun tiranno potrebbe mai trovarlo.
Il segreto tecnico dell'apertura della botola che si affaccia su dimensioni tangenti, lo si trova negli insegnamenti interni di confraternite di regolarità millenaria, oggi in sonno. Ma pure presso uomini incredibili, che scelgono di rimanere nell'ombra, nell'attesa di incontrare una persona degna e pura di cuore, per trasmettere il dono. Già, perché di dono si tratta, senza prezzo.

6.
Le teste d'uovo della NASA, sono convinti che l'astronautica non ha un gran futuro, al di là della propaganda per le masse. Il Pentagono, che è il vero grand commis della Nasa, ha pianificato un progetto avveniristico, alla luce di un ovvio e quasi banale convincimento: è oneroso e poco produttivo, il viaggio a bordo di astronavi per andare da un pianeta ad un altro. La soluzione è il “teletrasporto”, noto grazie ad una fortunata serie di telefilms, Star Trek, saga fantascientifica che ha avuto inizio nel 1966 e ideata da Gene Roddenberry. Il Pentagono ha investito valanghe di dollari sul teletrasporto alla Star Trek, in cui un corpo umano verrebbe "scomposto", trasferito in un altro punto dello spazio, e quindi "ricostruito". Gli scienziati a stelle e strisce avrebbero così analizzato una cavia umana (perché di cavia si deve parlare) da teletrasportare, atomo per atomo, memorizzandone completamente la configurazione (ammesso che sia possibile farlo). Avrebbero poi fatto viaggiare questa informazione in un altro punto dello spazio, dove una quantità di atomi identica a quella iniziale è stata assemblata per riprodurre fedelmente la cavia di partenza. Il teletrasporto sarebbe simile ad una telescrivente olivetti, che trasmette messaggi di testo attraverso la rete telegrafica: l'informazione contenuta nel messaggio che scriviamo sul nostro dispositivo telex viene inviata e ricostruita da chi la riceve. Quello che viaggia è l'informazione, non la materia. Diversi e serissimi sono i problemi quando il messaggio da inviare è l'uomo:

-come estrarre tutte le informazioni contenute in un uomo;
-è per ora impossibile conoscere velocità e posizione di una particella secondo la fisica quantistica;
-non si conoscono le dinamiche della coscienza del viaggiatore durante il teletrasporto;
-non si è sicuri se l'uomo teletrasportato sia effettivamente lo stesso della partenza o un duplicato;
-l'io del teletrasportato potrebbe essere diviso.

Credete che queste domande se le siano poste quelli del governo-ombra made in USA?. La posta in palio è più importante di una vita, che è come ben sapete, sacrificabilissima quando ci sono in ballo le ragioni di stato e la leadership mondiale. Cosa è successo? Ebbene, alcune decine di cavie umane sono scomparse chissà dove, altre, invece, sono state ritrovate nel posto di assemblaggio, ma trasformate in una poltiglia di carne irriconoscibile. Orrore allo stato puro. Da dove ho attinto queste notizie? Teletrasporto, Scotty!
Gli scienziati non sanno una cosa che un fruttarolo viterbese ha da sempre sostenuto e dimostrato: quello che si rompe non ritorna più com'era prima. Passare da una dimensione ad un altra, è come trovare un guado per andare da una riva all'altra di un fiume. Difatti, l'accesso ai piani interdimensionali così come ce lo ha insegnato il maestro, non si avvale di ipotetici macchinari teletrasportatori, ma dell'insieme di fattori necessari: portali collocati in luoghi ove la barriera spazio-tempo è più sottile (l'acqua bassa), spolette e processi mentali speciali. Si varcano così i mondi.

7.
Sin dalla Seconda Guerra Mondiale, i governi alleati, l'Urss e il III°Reich, ufficiosamente, hanno investito capitali ingenti al fine di studiare e sviluppare le facoltà latenti dell'uomo. Sensitivi, maghi, medium, sono stati vagliati, selezionati e utilizzati per spionaggio, sabotaggio e condizionamento psichico dell'avversario. Non contenti, i governi alla fine della guerra hanno orientato verso altri obiettivi le loro ricerche psi. L'ossessione dominante americana e sovietica era ed è rappresentata dal viaggio dimensionale, con strumenti e uomini in grado di spostarsi da un universo ad un altro. Oltre all'uso fallimentare di teletrasporti tecnologici, come ho accennato sopra, le èlites politico-militari hanno sviluppato programmi sulla medianità, la vecchia ma sempre misteriosa modalità dell'anima che, in determinate condizioni, produrrebbe fenomeni di trasferimento di corpi nello spazio e nel tempo. I risultati, allo stato attuale delle cose, sono più lusinghieri di quelli tecnologici. Al contrario delle apparecchiature per il teletrasporto, le energie che si innestano durante lo stato medianico, sembrano non costituire rilevanti contro indicazioni per il sensitivo. Le èlites però non si faranno certo degli scrupoli, pur di conseguire gli obbiettivi.

8.
Il mio maestro conosceva le botole, antiche porte di accesso interdimensionali, disseminate un po' ovunque, ma non illimitate. Conosceva su dove affacciavano e la strada per il ritorno. Non si tratta di scomporre trasferire e ricomporre un corpo umano, come ipotizzato dagli scienziati. È la struttura stessa della dimensione a farsi più sottile, più permeabile, permettendo il passaggio da un universo ad un altro senza effetti collaterali per il viaggiatore. Non è poco, non credete? Qualcuno si domanderà, che se è vero quanto vado affermando, mi troverei in serio pericolo, anzi, sarei già 'terra per ceci'. Dovete sapere una cosa; quando conobbi Scandurra, il 1971, mostrò a me e agli altri i suoi poteri pazzeschi, con facilità e semplicità. A noi dell'anonima talenti chiese solo un piacere: di adoperarli soltanto per i compiti specifici interdimensionali, in considerazione del fatto che qualsiasi altro uso avrebbe comportato il risucchio del trasgressore nel baratro senza fondo.
Il 1978 fu avvicinato da agenti governativi di paesi stranieri, facile capire di quali, che avevano ricevuto informative su questo tipo strano e povero (la sua condizione sociale ed economica, destava curiosità e sconcerto). Scandurra, riuscì a defilarsi con semplicità, come? Li accompagnò presso alcuni punti di accesso genuini (fossi naturali e leghe di acqua salmastra, per lo più) e indicò loro come fare per attraversarli. Nessuno di questi agenti ebbe lo stomaco di immergersi in un fosso melmoso, puteolente, e che sembrava tutto meno che una porta verso l'infinito. La pratica “Scandurra” fu chiusa.
Il suo segreto rimane inviolato non perché ben custodito, ma perché è buon senso ritenerlo impossibile, una fantasticheria generata da una mente disturbata. Immersioni in varchi interdimensionali? Dentro un fosso malsano? Puah, è così poco esoterico e anti-scientifico...

VERSO LO SCALO INTERDIMENSIONALE: TERRANUSI 2
Il salone fu spazzato via da un vento gelido che emetteva un rombo spaventoso, come un ruggito. Insieme al rumore fortissimo, il vento trasportò verso tutti noi una fiumana di cose, pezzi di stoffa colorata, erbaccia, semi, spezzoni di specchi, residui molli come gelatina, ossa di animale o di uomo. Roberto ed io, istintivamente, ci gettammo per terra, a pancia sotto, coprendoci la testa con le mani. Cercai di dire qualcosa, ma il suono era così assordante da non permetterci nemmeno di comunicare fra noi. Non capivo cosa succedeva. Era così inaspettato tutto questo che mi bloccava ogni capacità di pensare. La mia visione globale, compariva e spariva, come un falso contatto. Che cosa potevo fare? Roberto mi toccò sulla spalla e mi invitò ad alzarmi. Con la testa abbassata e incurvato, lo seguii. Di tutta fretta ci avvicinammo ad una porta poco lontana, verso l'interno del palazzo. Arrivati davanti, essa si aprì automaticamente; immetteva in un montacarichi, così grande che poteva starci tranquillamente un camion. Entrammo senza indugi ulteriori. Dopo qualche secondo, il tempo di riprendere fiato, che mi resi conto della preoccupazione di Roberto. Gliela si poteva leggere in volto.
“Quel vento non era naturale. Abbiamo attraversato uno spazio esmerico, pregno di cose e forme-pensiero di chissà quale popolo. Sembrerebbe che qualcuno non abbia gradito la tua visita. Ci sono esseri ostili”.
Mosse delle piccole leve da un quadrante posto ad altezza-uomo sulla parete. Leve, corone, ganci e incavi, non davano esattamente l'impressione di un aggeggio elettrico, ma meccanico. Non notai alcun movimento del montacarichi. Passarono una decina di secondi. Roberto mi diede una pacca sulla spalla.
“Bene, siamo arrivati, Angelo, al sicuro da interferenze psichiche indebite. Ci troviamo ad alcuni kilometri sotto terra. Ora vedrai la grandezza degli ingegneri cosmici. Terranusi deve ancora svelare le sue meraviglie”.

50 commenti:

  1. Bravissimo hai fatto bene a postare .... nella zona dove abito e nella comunita dove vado ... partono a frotte sia per malattie sia per altre vie... meglio aumentare il ritmo... e l'andatura. Ottimo come al solito

    RispondiElimina
  2. Lettura difficile, per me, questa volta... le mie lacune conoscitive vengono allo scoperto. Grazie Angelo per quello che stai facendo.
    P.S.: Vin, il tuo commento è, se possibile, ancora più ermetico, per me :)

    RispondiElimina
  3. @ VIN: Sul "partono a frotte" ti riferisci a morire?
    @ Angelo: mi trovo a condividere il sentire di Giusparsifal, lettura molto difficile pure per me, temo di essere un po "indietro" con la preparazione ...
    Comunque grazie davvero.

    RispondiElimina
  4. E' tutto come lo pensavo ragazzi!Nn ci posso credere.. e' tutto nella semplicità delle cose, nella frequenza che i tuoi atomi assumono(cimatica) quando cominci a vibrare, come il titolo di un libro che dice "all' origine fu la vibrazione". Scrutare i segni ogni giorno,cominciate a farlo, e li noterete con semplicità disarmante. Dalla canzone all' uccello che passa all' improvviso sopra di voi al rumore che sentite d' un tratto, all' ufo che potete vedere un sab sera. L' Ankh, è la croce egizia con l' asolo sopra giusto? La "dieta da fare" con prodotti caricati energicamente, e cmq a base di verdure, frutta, tutte cose che produce la MaDRE TERRA, nn gli omicidi verso animali o cmq creature del cosmo. Anche questo tratto da un libro "la cena di pitagora" dove affermava che al suo tempo erano solo i giganti che si cibavano di carne..NAHASH, cioè le parole di potenza, come querlla scritta sulla fronte del golem, e che vibrate nella gisuta vibrazione potrebbero aprire la camera degli archivi sotto la sfinge, dove dicono che ci sia una forma pensiero che lascerà passare solo chi è degno, le correnti telluriche, che gli antichi sapevano usare, e dove hanno edeficato tutti i monumenti, come la pietra in australia(honoluru si dice?nn sono un dottore scusate) o le piramidi, che sono sopra campi ad elettromagnetismo basso. Ho un librettto che piega di queste correnti, da quando gli antichi mettevano le pietre che si possono trovare in tuto il mondo, che appunto le seguono, fino a i cristalli di quarzo di atlantide, che usavano per l' energia, penso le incanalizzazzioni.Dicono che ce n' era uno dentro il palazzo, di una forma particolare, penso di geometria cosmica, come i tetraedi ecc e che veniva constantemente guardato,i massoni con il campo magnetico che nasconde qualcosa, comeun un scoop letto su fenix, dove parlavano che in romania hanno scoperto sotto terra dopo vari terremoti delle stanze con dei muri a vibrazione, che solo la gente che risuonava giusta ha potuto passare. E' come se tutto quello che hopensato fosse vero. Mi hanno sempre dato del matto, sempre fatto quei sorrisini anche davanti alle evidenze, solo perchè ho sempre cercato di collegare il tutto.,perchè niente è diviso...è eccezzionale ragazzi..Cominciamo allora, nn stiamo qui solo a leggere...agiamo!
    @Angelo: Zac si è perso nel baratro senza fondo allora?nn ha seguito le direttive..giusto?ciao a tutti

    RispondiElimina
  5. bello come al solito..=) questi passi costituiscono la sintesi di informazioni che ho acquisito in questi mesi precedenti, sono il recipiente adatto a contenerle e a renderle coerenti....
    vi ho spesso mandato dei link al sito humanresonance.com e al libro del webmaster: phi, che analizza i resti di antiche conoscenze e che sembra inconsapevolmente rispondere ad alcune domande poste nel libro il mattino dei maghi(che io lessi successivamente!, tra l'altro).

    L'approccio di Angelo spiega quello che nel libro viene trattato in un'ottica più matematica e legata alle evidenze empiriche, ne spiega i presupposti e collega in modo semplice e naturale tutto ciò alle conoscenza di origine iperborea ed atlanidea...

    Angelo continui a stupirmi...! =)

    RispondiElimina
  6. Pdf scaricabile qui: http://www.scribd.com/doc/35043708/Incontro-Con-Un-Uomo-Straordinario-26

    RispondiElimina
  7. Ciao Angelo,
    non per fare il prolisso, ma una cara amica più o meno delle tue parti è venuta domenica scorsa a visitare Castel del Monte dalle mie parti.
    la ragazza è molto sensitiva e mi ha parlato di effetti porta verso altre dimensioni, e cose che già sappiamo, e di cui del resto ero sempre persuaso.
    tu hai qualche notizia in più sul luogo specifico?

    grazie e un saluto a tutti

    RispondiElimina
  8. Angelo, mi è venuta in mente una cosa: la "Sigillazione Magica di Grant Morrison" può (dico "può") avere a che fare con qualcosa a cui hai accennato sopra?

    RispondiElimina
  9. @Giusparsifal
    Morrison è più un piazzista dell'autostima, che poi chiama 'magia'. È la solita versione americanomorfa della vita, con spruzzate di mentalismo, tipico della cultura alternativa made in USA.
    @Sante Asse
    Castel del Monte? Numeri, misure, segni. Federico II° la sapeva lunga, perciò fu odiato scomunicato temuto.
    @Michele
    Zac? Entra e esce.

    RispondiElimina
  10. @Angelo
    La chiave sta nel cercare il meccanismo nella prorpia testa..nel proprio cuore, nelle energie che abbiamo dentro noi stessi giusto? senza quella nn potremo attivare niente. Dobbiamo prima attivarci noi..quindi potrebbe essere possibile nn avere una spoletta e riuscire cmq ad attivare una porta lo stesso..Nn è necessaria una sploletta materiale..sono domande stupide vero? E' che ho troppo da chiedere, e so che le rsp le so già, basta che cerchi dentro di me vero?.Cmq:
    1.Dvessi cominciare con il cibo indicato, che già più o meno faccio, come posso fare per ricreare le potenzialità delle verdure passate a te da Scandurra?
    2.Per l' ankh devo usare quello che per casualità troverò più indicato come materiale, ma lo creo proprio giusto?Di che dimensioni?
    3.Riusciresti a spiegarmi meglio il passaggio delle forme pensiero e del vento, di qualcuno che nn ti voleva a terranusi? Ti chiedo perchè da quando ho cominciato a svegliarmi spiritualmente e alchemicamente, a vedere auree di persone, colori più vivi ecc, la notte sembra che qualcuno mi inciti a fermarmi come.Una mia amica che segue il blog mi ha confidato delle astuzie, da lei infatti ho imparato che "la verità è semplicità, la LUCE è semplicità", dico anche un mantra inerente, ma certe volte mi succedono delle cose in sogno, come se qualcuno mi dicesse "nn continuare, nn serve", ma in maniera più..pesante ecco. Solo la notte..penso perchè subentrano potenze lunari penso no? Assomiglia, quello che hai scritto, molto a quello che succede a me insomma. E sai anche cosa? che quando entro in contatto con le energie, tipo quando sono dentro un bosco, si alza il vento..ifatti lo asscocio a uno dei famossi segni..anche adesso, mentre scrivo, ho la luce della lampada che..si affievola si..Beh, se puoi rsp, se no è lo stesso ok? ciao Angelo, e ciao a tutti..

    RispondiElimina
  11. @Luca
    Cosa è libro del webmaster?

    RispondiElimina
  12. è un libro pubblicato dal tizio che gestisce humanresonance.com e si chiama phi(vocabolo greco per identificare la sezione aurea)

    RispondiElimina
  13. @Michele
    Sul regime alimentare, è bene che tu abbia una forte e sana costituzione, prima di intraprendere un lavoro di questo genere. Le verdure basta acquistarle o dal contadino direttamente oppure dai rivenditori, purché siano coltivate all'antica, con concimi naturali. L'antenna la costruirai con materiale e misura a te confacente, oppure la troverai da un rigattiere già bella che fatta, e pronta per te. Da quello che racconti, noto che ti stai muovendo interiormente. E questo è l'inizio.
    Per tutti: abbiate cura di voi e seguite i segni.

    RispondiElimina
  14. Grazie Angelo, mi metto al lavoro, ciao a tutti

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Angelo, perdona un'altra domanda, avrei dovuto fartela con l'altro messaggio ma me la ero dimenticata.
    In quel paesino della Sicilia, dove "si appiccano" fuochi in maniera misteriosa, è stato aperto qualcosa, per caso?

    RispondiElimina
  17. Fate finta che nn vi abbia chiesto niente sugli incapucciati, continuo le ricerche da solo,ciao a tutti

    RispondiElimina
  18. Angelo, mi incuriosisce l'immagine che hai inserito come intestazione di questo tuo nuovo post ... che nesso ha quello che hai scritto con la tradizione degli Hopi e il miti dei Kachina? (qualche tempo fa postai sul mio blog proprio un articolo di Gary A. David sugli Hopi) ...

    una seconda domanda, questa volta chiedo la tua opinione su Salvatore Brizzi e sul suo studio del processo alchemico ...

    RispondiElimina
  19. @ Angelo: poco prima di ius 26 ho scaricato da internet "Il mistero delle cattedrali"!! Sincronicita'... dal 1° di luglio sto cercando di non mangiare la carne, con successo. Ti chiedo se l'ankh va portata addosso costantemente, anche in meditazione.
    @ Michele e tutti: Angelo mi corregga se sbaglio, piu' si diventa consapevoli e piu' aumentano gli attacchi da parte di forze contrarie, in particolare per quelli orientati positivamente ed al servizio verso gli altri, e' come se questi (passatemi il termine) oscuri abbiano una paura fottuta dei risvegliati.
    personalmente ho subito molti attacchi , piu' acquistavo conoscenza e attacchi ancora piu' forti ne seguivano, fino ad attentare alla vita stessa. Sono riuscito a sconfiggerli non con il contrattacco frontale, servito a ben poco, ma rimanendo in modalita' osservatore, rimanendo distaccato , non alimentando odio ed emozioni forti.
    Continuiamo su questa strada, qui con Angelo, con Scandurra. l'anonima talenti ,se ne saremo degni, accogliera' anche noi.
    Grazie infinite Angelo e grazie a tutti voi amici e fratelli
    A presto

    RispondiElimina
  20. Comunque quello che non riesco a mettere a fuoco ancora:
    come e' possibile con un pianeta come il nostro con cosi tante diversita' di cose, posti culture ecc ecc.. aver voglia di andare in altre dimensioni a visitare cosa??? poi. Questo pianeta e' cosi vasto e inesplorato che non basterebbero 10.000 vite per poterlo viverlo appieno.

    Forse questo viaggio a Terranusi non e' forse uno scalo per poter prendere coscienza anche del valore di quello che abbiamo gia' e non c'e ne accorgiamo o non abbiamo piu' la capacita' di vederlo e farlo nostro, forse siamo caduti nella IA (intelligenza artificiale)???

    Che senso ha andare in un altra dimensione se non abbiamo la capacita' di "vedere" la grandezza e l'amore di una "semplice pianta di fico" o un tramonto o guardare il cielo stellato o le formiche che costruiscono la loro citta' ecc eccc.

    Sono domande che mi seguono in questo cammino... e ogni volta che guardo un'alba o un tramonto .. sorgono.

    Forse Scandurra voleva aiutarci a capire chi siamo e il valore di quello che abbiamo e non lo riusciamo a comprendere???

    RispondiElimina
  21. Rispondo a tutti.
    Di S.Brizzi apprezzo gli sforzi sul piano divulgatico. Le sue indicazioni però peccano di ingenuità. La pratica è difficile se non impossibile, senza un istruttore che quotidianamente ti segue.
    Caronia paga i casini magici provocati da Crowley e compagnia presso Cefalù. Se smuovo energie che non sono in grado di capire né controllare, si rompono argini che sboccano dove possono.
    La Via non è una fuga sociale e psicologica verso paradisi perduti. La realtà come ci appare è compromessa dal velo di Iside: nulla è come sembra. La connessione con altre dimensione diventa necessaria al fine di ripristinare un equilibrio compromesso. Scandurra amava così tanto questa terra benedetta, che ha sacrificato tutta la sua vita per ricomporre l'armonia infranta. Ci fece conoscere gli spiriti dietro la Natura, per amarla ulteriormente. Nessuna diserzione, semmai legittima fuga dalla prigione costruita dai padroni del mondo.
    L'ankh è un talismano che va portato finché svolge il suo lavoro catalizzatore; dopo, diventeremo noi stessi talismani.

    RispondiElimina
  22. @Lamosafenando
    Ok, penso anch' io che nn serva controbilanciare, o diventare parte attiva, basta solo essere osservatori, e lasciare andare.Mi racconteresti qualche esperienza?
    Ieri sera ho conosciuto un ragazzo che mi presenterà una sua amica che a dire suo avrebbe un portale aperto in casa. Mi ha parlato di portali di energia che si aprono e si chiudono ecc ecc.Cmq vi saprò dire lun sera, perchè la vado a conoscere lun pomeriggio.
    @Vin
    Il mondo nn è come lo abbiamo sempre visto. Tipo io che ho cominciato a vedere l'aura delle persone e delle piante, mettendo a fuoco bene. L' aura ha sempre fatto parte della nostra vita, ma perchè ora la vedo e prima no?E' come il tramonto di cui parli, perchè fa parte di questo piano, ma prima l' aura nn sapevo neanche che cos' era!! I controllori, o arconti, o come li volete chiamare, hanno reso sterili i nostri sensi. Penso che una volta uscire ed entrare da altri mondi fosse come andare in chiesa la domenica mattina. Per quello tutte quelle piramidi in giro per il mondo ecc. Si riusciva ad aprire varchi come brustoline, pur osannando come dici tu la Dea GAIA. poichè tua dimensione di origine. Penso fosse come...Star Trek!Cioè tante razze,tante forze elementali, tanti segni che erano all' ordine del giorno.Convivenza con dimensioni sia arcontiche che di sublime concezione. Tutto era in equilibrio, grazie a sacerdoti che mantenevano l' equilibrio, come uno Svcandurra negli anni '70, e l' anonima talenti ai giorni nostri. Senza poi pensare agli ordini secolari che magari ci saranno a Shamballah e via dicendo, che mantegono, o cercano, di mantenere l' equilibrio. Penso che sia così.Ho notato però con l' avvicinarsi del 2012 l' apertura di energie che prima nn giravano, oppure che cmq c'rano ma nn riuscivi a parcepire e che adesso tutti se vogliono mettersi in sintonia riescono se nn altro a sentire.
    @Alpha C.M.
    Penso agli Hopi per via di sciamanesimo, discendenti degli Anasazi giusto?Loro si che sono volati in un' altra dimensione penso..scomparsi tutti letteralmente..
    Grazie a tutti voi ciao a tutti

    RispondiElimina
  23. @Angelo
    cos'è lo spazio esmerico?

    RispondiElimina
  24. Lo spazio esmerico, caro Michele, è un cassonetto psichico presente dove eventi e cose e stati mentali, acquistano importanza, efficacia, spessore.
    Gli Hopi come altre nazioni dei nativi americani, sono depositari di conoscenze simili se non addirittura derivate da quelle scandurriane. Non devono ingannarci i loro costumi, il tribalismo sociale e religioso, così distanti dalla nostra società ipod e massmediatica. Scandurra non aveva mai letto un libro sulla fisica quantistica, ma viaggiava per dimensioni meglio di un elemento subatomico.

    RispondiElimina
  25. E se ho capito bene, l'ankh bisogna fabbricarselo...

    RispondiElimina
  26. Post molto denso, le mie difficoltà sono nell'orientarmi tra matematica e geometria, che a scuola erano due miei spauracchi. In compenso nella dieta "scandurriana" ritrovo quasi tutta la mia alimentazione odierna, con l'esclusione del latte, che ho eliminato da tempo. Mi lascia anzi perplesso la sua presenza, e perciò chiedo ad Angelo: è indispensabile per qualche ragione "sottile" o se ne può fare a meno? Perché se non è per ragioni specifiche, credo che un essere umano adulto non abbia alcun bisogno di assumere latte (per di piú di altre specie, molto piú proteico di quello umano). Per me adesso sarebbe difficilissimo reintrodurlo, mi provoca un certo rigetto. Per il resto, carne abolita almeno una quindicina di anni fa, e poi un po' alla volta, anche se nel corso di anni, via anche pesce, uova, formaggi, e latte, appunto. L'alcool è un ricordo remoto, ancor piú da quando ho preso coscienza di quanto interferisca con il lavoro spirituale, e proprio in questi giorni ho "schioccato" le dita e mi sono liberato anche del caffè, che rimaneva l'ultimo ancoraggio psicologico al passato. E sempre di questo periodo è il mio approdo stabile a una dieta vegano-fruttariana crudista, ancora da perfezionare. Anzi, direi che l'estate è il miglior periodo per questa brusca "sterzata"; frutta e verdura abbondano e rinfrescano, sono naturalmente invitanti, quindi meglio approfittarne perché cambiare in autunno-inverno sarebbe assai piú faticoso. Meglio farsi trovare già abituati, lo dico per chi volesse cimentarsi. Vorrei anche chiedere se è ammesso un cereale integrale con cui accompagnare i pasti; io sto utilizzando una fetta di pane integrale di segale senza lievito. È "kosher"? :)

    Mi ha molto colpito la tua frase sugli Spiriti della Natura, Angelo. Io so di averne uno che mi segue da sempre, anche grazie a quei segnacoli, a quegli oracoli cui accenni nel post, e avvicinandomi a discipline sciamaniche, ho trovato conferme di questo. Ma il mio piú grande desiderio è sempre stato quello di "conoscerlo" piú da vicino, di poter annullare la separazione tra me e Lui, anche perché so di "covarlo" dentro, in qualche modo, ma vorrei diventare capace di portarlo alla luce, di compenentrarmici completamente. Fin da bambino ho questa consapevolezza, e almeno questa sono riuscito a non smarrirla per strada durante la dolorosa deviazione verso il mondo "normale", quello "razionale" e "scientificamente fondato". L'ho sempre considerata la mia piú grande, e forse unica, Ricchezza.

    Un saluto a tutti.

    RispondiElimina
  27. @ Michele: Caro amico , ho avuto tanti attacchi soprattutto psichici, a volte sono stato io che sono andato a rompere le scatole dove non dovevo. L'ultima caz.....a che stavo per fare era di entrare nell'O.T.O. a settembre dell'anno scorso. Un giorno , spero molto vicino, ne parleremo di persona.
    @ tutti : un saluto con amicizia!

    RispondiElimina
  28. @Lupo
    Il regime alimentare non è un precetto assoluto, puoi trovare le giuste misure e valutarle per gli effetti che hanno sulla tua unità biopsicofisica. Ognuno di noi ha peculiarità diverse.
    @Giusparsifal
    L'ankh? Chi fa da sé fa per tre.

    RispondiElimina
  29. Ah!Bella la rsp di "chi fa' per se fa per tre"!E' proprio vero..Le cose fatte da soli sono quele fatte meglio.Ho idea Gius che dovremmo dire qualche strafalcione per farci un Ankh, ma ce la si può fare..Grazie per la rsp dello spazio esmerico Angelo.Praticamente Terranusi è un crocevia, è posta in mezzo tra le dimensioni e qualcos' altro, però mi sembra di capire che si sposta anche, no? Perchè avete "attravesato" lo spazio esmerico..Per via dell' alimentazione comincio da oggi in maniera corretta come scritto.
    @Lupo e a tutti
    Mi ha colpito il tuo discorso sul tuo spirito della natura. Il nostro spirito che gli indiani definiscono animale totem potrebbe essere correlato? Perchè vi spiego. In mezzo ai segnacoli, quando dentro di me mi dico "cogli i segni Michele, il divino ti parla in ogni istante" c' è sempre un uccello che prende il volo, o che cmq vedo passare. Mi sono fatto l' opinione che può essere quello il mio animale totem no? Per uqello ora che ci penso quando vado per campagne e boschi ne trovo sempre uno che mi volteggia attorno..può essere?
    Ciao a tutti

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. 一個人的價值,應該看他貢獻了什麼,而不是他取得了什麼....................................................

    RispondiElimina
  32. @Angelo
    Per acqua del sindaco,acqua corrente intendi l' acqua di rubinetto?

    RispondiElimina
  33. @Michele
    Acqua del rubinetto o, se possibile, di pozzo.

    RispondiElimina
  34. Grazie. Ho letto che il fluoro contenuto in tutte le bottiglie di plastica ad esempio, è molto dannoso per i legami chimici delle sinapsi che avvengono nel nostro cervello. Praticamente blocca tutti quei ponti, ma neanche blocca, nn li fa' nemmeno creare, dicevo, tutti quei ponti che potrebbero forse servire per vedere meglio la realtà che ci circonda, chi lo sa. O anche i nomi dei farmaci, che hanno molta risonanza con i nomi dei demoni di Salomone, ci avete mai fatto caso? Provate a dare un' occhiata.. Praticamente si scorge un mondo fatto di simboli, cme postato da Angelo nella linea della rosa, dove si scopre che qualche elite al soldo arcontico ha programmato ancora prima che cominciasse il blocco delle nostre facoltà, e fino alla nascita perfino se pensate che i piccoli vengono vaccinati alla più tenera età. Abbiamo praticamente una sociatà che senza accorgersene, lavora contro il risveglio, poichè probabilmente principi dannosi per la nostra vera crescita di corpo eterico ecc li troviamo ovunque nell' industrializazzione. Vi rcordate "matrix" quando Morfeo dice a Neo che il nemico può essere chiunque? Mai affermazione risulta più vera. Ciao a tutti

    RispondiElimina
  35. @Michele: sí, è proprio ciò che intendono i pellerossa (io li ho sempre chiamati cosí...). Rappresenta comunque un'energia, uno spirito che è dentro di noi, e che può riverberarsi anche al di fuori, quando siamo in armonia con noi stessi e col mondo esterno, ed è allora che riusciamo a cogliere i segni. Quindi per identificarlo devi prima di tutto ascoltarne la risonanza interiore; tu sei molto sensibile, perciò non dovresti aver difficoltà. Quanto all'uccello che vedi, è sempre lo stesso - intendendo non lo stesso individuo ma la stessa specie - oppure cambia?

    Il fluoro c'è anche in tutti i dentifrici prodotti industrialmente, e purtroppo non manca neanche in molte acque di rubinetto. La contaminazione operata dal Sistema è ormai capillare. Hai visto giusto, la medicina ufficiale è uno degli strumenti piú potenti per il controllo mentale delle masse, specializzata nella creazione e nella diffusione di forme-pensiero terrorizzanti atte a costringere le persone in una fitta maglia di paure e di insicurezze. E la psichiatria ne costituisce, direi, un vero e proprio "braccio armato". Ma molti medici sono solo strumenti inconsapevoli, vittime a loro volta.

    È vero, nel film "Matrix" ci sono molte verità, ma ri-velate in modo surrettizio. Ti segnalo un'eccellente recensione di Zret al film, recensione che a me sembra impeccabile, e soprattutto come non ce la si sogna su alcuna rivista specializzata: http://zret.blogspot.com/2009/12/lambiguita-di-matrix-un-controdiscorso.html. Fra i commenti ne troverai anche di Angelo.

    Un saluto

    RispondiElimina
  36. @ Angelo:
    Perdona la mia domanda che potrà sembrare magari stupida, ma perchè proprio L'Ankh? Intendo sapere se è effettivamente un simbolo efficace,e per la sua conformazione e struttura, capace di incanalare le energie cosmiche perchè fluiscano attraverso noi, oppure se invece è un "simbolo noto" (e qui intendo un simbolo che inconsciamente riconosciamo come "magico") nel quale noi come "creatori" della nostra chiave, nell'atto di creare un oggetto che abbia un certo tipo di caratteristiche, focalizziamo e impregnamo quell'oggetto delle peculiarità che in realtà sono già dentro di noi?

    RispondiElimina
  37. No..cambia. Ma è sempre un volatile. Su quello sono sicuro. Sempre li vedo quando entro in sintonia. Dovrei guardare di più. Vediamo se riesco a cogliere meglio i segni. Mi capita di vedere anche piume, o cmq magari i fiori quelli, bianchi, leggeri, come pulviscolo. Nn so se capite. Li noto anche in camera quando sono fra me e me, come se qualcuno mi volesse dire qualcosa, mi volesse dire che c' è. In superstrada oggi, qunado mi sono ridetto "cogli i segni" ho rivisto questo pulviscolo bianco, tipo fiori. Ora nn vorrei essere troppo cinematografico, ma per farvi capire, assomigliano certe volte ai fiori che si appoggiano sul braccio del personaggio principale di Avatar. Quando infatti li ho visti nel film, sono rimasto a bocca aperta. Per il fluoro dell' acqua noi siamo messi bene, nn dovremo in teoria averne nelle nostre condutture. In America invece poveretti, leggevo su Nexus che sono pieni. Perfino quello contenuto nel dentifricio nn dovrebbe servire a nulla, poichè nn è mai stato dimostrato il contrario. Troppe cose a cui nn si riesce a dare una spiegazione e che si impongono. Basta cavolo. Vabè, grazie Lupo, ciao a tutti

    RispondiElimina
  38. io l'ankh me la sono fabbricata in legno di rovere con gli avanzi del mio parquet, c'è qualche particolarità da tener presente???... il mio problema in questo momento riguarda invece la dieta perché non vivendo da solo non riesco a tenere un regime alimentare di quel genere... dovrò farlo in un periodo in cui sarò via da solo...

    saluti

    luca

    RispondiElimina
  39. @Alpha Canis Majoris
    per questo avevo chiesto ad Angelo di Grant Morrison ma la risposta è stata negativa quindi... attendo anche io una risposta al tuo quesito :)

    RispondiElimina
  40. Ciao Gius, a direi il vero, quando lessi in passato della Sigillazione proposta da Grant Morrison, mi è parso un po' (anche a me) una cosa American/carnevalesca ... ossia, una persona che ne parla tracannando wiskey, e parlando di sigillazione per poter mettere ai suoi piedi tutte le donne che voleva, e per poter far soldi a palate, mi è parso un po' malsana... per lui il metodo migliore di caricare energeticamente un sigillo era durante un rapporto sessuale sfrenato (magia sessuale poco controllata?)...quantomeno, detta a modo suo, suonava come un qualcosa di non propriamente "pulito"...
    Penso di non errare se dico che è indubbio pero' che la sigillazione in se ha origini che si perdono nella storia, forse addirittura al tempo in cui le parole che vennero associate a forze o oggetti, erano in se dei sigilli ... la cabala, se non erro, fa si che ogni lettera corrisponda ad un numero, ed al tempo stesso ad un'energia archetipale... forse, il concetto di creare un Ankh vuole portarci a far si che in quell'oggetto che andiamo a creare noi riversiamo l'energia relativa alla funzione che vogliamo che quell'oggetto assuma, finchè non ci renderemo conto che è da noi che effettivamente quell'enegia nasce, cosi' da capire che non abbiamo bisogno di nessun Ankh ... ma non sono sicuro se sono sulla strada giusta...

    RispondiElimina
  41. @A.C.M. & Gius

    ci stavo pensando anch'io... è un po' come l'esercizio del cerchio, idealizzare e poi portare fuori su un oggetto... infatti per crearlo bisogna prima pensarlo buttando su quella materia l'immagine pensata....

    RispondiElimina
  42. può essere che l' ankh sia una chiave di codifica cmq millenaria. Come le parole di potenza. Magari è veramente un simbolo che può incanalare le energie, i segni del divino. Una volta che noi affiniamo e cominciamo a scrutare, vedere, e magari anche prevedere i segni vuol dire che quella chiave è servita. Magari uno già aperto mentalmente e che sente potrebbe notarli, ma con l' ankh si amplificano...sempre un mio pensiero..

    RispondiElimina
  43. 獨居時,要反省自己的過錯;在社會大眾之間,則要忘卻別人的過失。..................................................

    RispondiElimina
  44. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  45. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  46. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  47. Angelo, Scandurra non ti ha mai parlato di un eventuale nuovo tentativo da parte dei dominatori di questo pianeta di usare la IA (intelligenza artificiale) per tenere sotto controllo tutti in modo piu' radicale ???

    RispondiElimina
  48. Ho letto della teoria M. Si basa sul concetto che esistono altri universi, e che nel 2012 come predetto da Scandurra ci sarà, a detta di Scandurra una "riconciliazione", a detta della teoria M uno "scontro", ma sempre cmq un compenetrarsi direi io, di universi paralleli. Questo porterebbe al vedere elementi, se nn addirittura persone di quell' universo nella nostra realtà. Glòi antichi sapevano di queste leggi e questi moti fra dimensioni. Sapevano anche che con l' avvicinarsi di queste date c' era anche la venuta o la partenza degli Dei. Probabile che se guardiamo il fenomeno ufo, nn come viti e bulloni ma come realtà quantiche, del genere che i loro occupanti e le loro navi provengono nn da altri pianeti, ma da altri universi, abbiamo chiara la situazione di perchè forse dagli anni 90' l' eclisse avvenuta in quei periodi e come predetto anche dai Maya, sono cominciati ad apparire così tanti...Dei nel cielo. Dalle ebanis alle forme più strane di dischi. Anche gli orbs possono mettersi in questi frangenti. Che si stia alzando il velo di maya? di Iside? Nn so. Di certo si sta alzando il mio. Ciao a tutti.

    RispondiElimina